Avrebbe deciso di sfruttare il suo casolare, ricavato in via Libertà, a Ferla, Comune montano nel Siracusano, in un piccolo mercato per lo spaccio di droga. I carabinieri lo hanno rintracciato seguendo un tossicodipendente del posto, conosciuto ai militari, e quando si è conclusa la compravendita hanno bloccato i due. Il proprietario della struttura, 23 anni, disoccupato, incensurato, è stato tratto in arresto, con l’accusa di detenzione di sostanze stupefacenti per fini di spaccio,  mentre il suo presunto cliente è stato segnalato in Prefettura.

Al termine della perquisizione nel casolare, i carabinieri hanno rinvenuto  “un involucro in cellophane contenente circa 28 grammi di sostanza stupefacente tipo marijuana, già suddivisa in dosi e pronta per lo spaccio” fanno sapere dal comando provinciale di Siracusa. Gli inquirenti, comunque, non hanno chiuso le indagini: l’obiettivo è di risalire alla fonte di approvvigionamento del disoccupato, a meno che si sia rifornito di erba andandola a prendere da una piantagione di marijuana. Sono tutte ipotesi al vaglio degli inquirenti che hanno condotto il disoccupato in caserma dove, al termine degli accertamenti, è stato notificato l’arresto. Come disposto dalla Procura, il presunto spacciatore è stato accompagnato nella sua abitazione, ai domiciliari.