Un giovane disoccupato di Avola, in provincia di Siracusa, è stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio ed omissione di soccorso. Si tratta di Danilo Carbè, 24 anni, che avrebbe travolto un ragazzo di 16 anni che gli avrebbe proferito alcune offese. Carbè si sarebbe risentito a tal punto da salire in auto e travolgerlo.

L’episodio è avvenuto il 26 maggio scorso ad Avola. Il ventiquattrenne è stato raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare firmata dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Siracusa che ha disposto i domiciliari per l’indagato.  Il ragazzo minorenne, in seguito all’aggressione, è stato curato dai sanitari dell’ospedale di Avola e non è in pericolo di vita. Per lui 30 giorni di prognosi.

La discussione sarebbe sorta all’interno di un locale del paese siracusano per qualche sguardo di troppo. Dalle offese però si sarebbe passati ai fatti. Il 24ennne si sarebbe diretto verso la sua macchina e avrebbe compiuto una manovra per investirlo. La Procura di Siracusa hanno aperto un’inchiesta ritenendo l’aggressore responsabile di tentato omicidio. Carbè potrà ora difendersi nel corso dell’interrogatorio di garanzia davanti al gip.

Ancora violenza dunque ad Avola dove l’11 giugno scorso, un giovane di 25 anni, Andrea Pace, è stato ucciso con colpi d’arma da fuoco. In questo caso la Procura coordina le indagini condotte dai militari dell’Arma.