«Stadi aperti? Se ne può discutere, ma solo a contagio zero».

Così Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute, Roberto Speranza, ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli.

L’esperto ha aggiunto: «Desta un po’ di preoccupazione la Lombardia, in cui la circolazione del virus è ancora intensa. Servono cautele aggiuntive per le squadre della Lombardia o che dovranno giocare in Lombardia. Il calcio non è uno sport individuale, ma di gruppo. Oltre ai calciatori ci sono gli addetti ai lavori. In quasi tutta Italia la circolazione del virus è molto ridotta e le misure attivate sono sufficienti».

LEGGI ANCHE: Quando potranno tornare i tifosi allo stadio?

Intanto, in Spagna, il presidente del Las Palmas, Miguel Angel Ramirez, ha dichiarato in un’intervista a UDRadio che la partita che la sua squadra giocherà contro il Girona il prossimo 13 giugno sarà disputata con il pubblico, nonostante il fatto che ministero della Salute e Liga abbiano sempre sostenuto che, fino alla prossima stagione, tutte le gare si disputeranno a porte chiuse.

«Rispetteremo tutto ciò che le autorità ci chiederanno e saremo in grado di annunciare la prossima settimana che i tifosi del Las Palmas saranno in grado di andare allo stadio per tifare la loro squadra, il 13 giugno, contro il Girona», ha detto Ramirez.

Ramirez prevede che nella fase 3, a cui l’isola potrebbe accedere la prossima settimana, sarà consentito l’accesso al 30% della capacità dell’impianto di Las Palmas, che contiene circa 10mila spettatori.