protagonista giovanni cupidi, attivista dei diritti delle persone con disabilità

“Il figlio di Tarzan”, il documentario che racconta la fragilità prodotto da Ficarra e Picone

Ficarra e Picone sono produttori per Tramp Limited del documentario del quale è protagonista principale Giovanni Cupidi, statistico tetraplegico di Misilmeri, 44 anni. La regia de "Il figlio di Tarzan" è di Mariagrazia Moncada. Ficarra e Picone spiegano a BlogSicilia perché hanno sposato il progetto.

l'astronauta siciliano ne ha parlato in una trasmissione radiofonica

Nuovi astronauti, il bando dell’Esa apre ai disabili, Parmitano “Studieremo insieme soluzioni tecnologiche”

In diretta radiofonica a Raimbow - Diversamente Radio Tv, Parmitano ha spiegato: "Le persone con disabilità fisiche possono aiutare l'Esa e le altre agenzie spaziali a comprendere quali sono i necessari passi da compiere da un punto di vista tecnologico per ottenere una inclusività sempre maggiore".

la lettera aperta del presidente della fondazione ebbene

Giornata internazionale Persone con Disabilità, “Il budget di salute può essere reale rivoluzione”

Secondo Edoardo Barbarossa "le fragilità del sistema di sanità territoriale e del welfare locale si sono palesate in questa Pandemia imponendo di accelerare l’approvazione della legge sul budget di salute e la reale messa in campo di questo strumento, purché sia – veramente – una rivoluzione".

grande partecipazione di pubblico al Teatro De Seta

Dignità della persona e diritti, così gli ostacoli diventano superabili: presentato “Noi siamo Immortali”, il libro di Giovanni Cupidi con Veronica Femminino (FOTO)

Il libro è stato presentato da Ficarra e Picone e Corrado Fortuna. La prefazione è a firma di Lorenzo Jovanotti Cherubini, amico di Cupidi, tanto da volerlo, nel 2015, tra i protagonisti del suo docufilm "Gli Immortali" a cui si ispira il titolo del volume.

la presentazione mercoledì a palazzo dei normanni

Disabilità, un progetto di Vita individuale per favorire l’inclusione: arriva la piattaforma Matrici 2.0

“Ancora oggi, purtroppo, le persone con disabilità non vedono rispettato il loro diritto al Progetto Individuale - dichiara Roberto Speziale, presidente nazionale di Anffas Onlus - e Anffas continua a lavorare e a battersi per questo diritto inalienabile poiché questo mancato rispetto ha delle conseguenze gravi per la vita delle persone con disabilità".