Per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate all’ex moglie, il giudice monocratico Lorenzo Chiaramonte ha condannato a tre anni di carcere un uomo di 45 anni, di Marsala.

Le violenze sarebbero iniziate nel novembre 2015, quando la donna decise di separarsi, e sarebbero andate avanti fino al settembre 2016. L”uomo avrebbe più volte colpito l’ex moglie con schiaffi, pugni e calci al volto, al torace e allo stomaco.

E inoltre avrebbe anche fatto incursione nella sua abitazione, aggredendola, minacciandola di morte e distruggendo mobili e suppellettili. In alcuni casi, l’avrebbe anche inseguita in auto.