I Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Castelvetrano (TP)  hanno eseguito un intervento che ha permesso di salvare la vita ad una donna che minacciava il suicidio.

Nella serata di ieri, 2 febbraio , era giunta alla locale Centrale Operativa, la segnalazione che una donna di 48anni del posto, stava tentando il suicidio diffondendo gas metano all’interno della propria abitazione nella quale si era barricata chiudendo porte e finestre.

Appresa la notizia, l’equipaggio di turno dell’Arma si è precipitato a casa della 48enne e, con l’ausilio di un Ispettore Capo della locale Polizia di Stato, già al corrente delle tragiche circostanze in corso e presente sul posto, sono riusciti a rassicurare la donna convincendola ad aprire loro la porta. Una volta all’interno, i Carabinieri, per evitare più gravi conseguenze, hanno fatto arieggiare i locali in modo da disperdere il gas che nel frattempo era fuoriuscito da una bombola e mettendo così in sicurezza l’intero fabbricato.

Sul posto sono intervenuti anche i Vigili del Fuoco del distaccamento di Castelvetrano, che dopo un attento sopralluogo hanno confermato l’agibilità dell’abitazione, e del personale sanitario del 118 che ha prestato le prime cure alla donna che, fortunatamente, grazie al pronto intervento dei Carabinieri, non ha subito danni.