L’arte e la cultura per l’impegno sociale. Per riflettere su tematiche che riguardano tutti, interrogarsi sul futuro, cercare di contribuire a vivere in un mondo migliore.

Torna a San Vito Lo Capo, dal 14 al 19 luglio, il SiciliAmbiente Film Festival, una rassegna da non perdere.

Il SiciliAmbiente è un festival internazionale di documentari, di corti e animazioni legati ai temi ambientali, della sostenibilità e dei diritti umani. Nato nel 2009, è giunto alla undicesima edizione.

Sessanta film presentati, 6 giorni di proiezioni, 3 sezione competitive, 2 sale, incontri con gli autori, presentazione di libri, spettacoli teatrali e tante attività per adulti e bambini.

Il SiciliAmbiente, la cui direzione artistica è affidata al regista Antonio Bellia, è un festival per tutti, con innumerevoli iniziative che sapranno appassionare il pubblico, sempre più sensibile alle tematiche trattate.

Potete trovare i film selezionati per questa edizione del festival su https://www.festivalsiciliambiente.it/i-film-selezionati-2019.

Il SiciliAmbiente Film Festival si svolgerà tra i giardini di Palazzo La Porta e la spiaggia di San Vito Lo Capo, dove verrà allestito un mega schermo gonfiabile in riva al mare.

Molto atteso “Waterpeace”, il recital di Moni Ovadia sul tema delle migrazioni; lo spettacolo, realizzato in collaborazione con Amnesty International, sarà in scena al tramonto, giovedì 18 luglio sulla spiaggia e vedrà il coinvolgimento del coro Ederlezi (Accademia d’arte del Dramma antico di Siracusa) e la regia di Dario La Ferla.

Ad aprire il festival, domenica alle 20, al giardino di Palazzo La Porta, la presentazione del libro “Squadra Mobile Palermo – L’avamposto degli uomini perduti” di Alessandro Chiolo. Alle 21,30 la cerimonia di apertura ufficiale e la presentazione di “Selfie”, il film di Agostino Ferrente sugli adolescenti della periferia napoletana. Interverrà Riccardo Noury portavoce nazionale di Amnesty International Italia.

ECCO IL PROGRAMMA COMPLETO DEL FESTIVAL