Primo caso di Coronavirus a Gela. Lo ha reso noto il sindaco, Lucio Greco, con un video-messaggio trasmesso alla città attraverso i social e le emittenti radiofoniche e televisive locali, invitando la gente a non uscire di casa se non per reali e urgenti necessità.

Secondo indiscrezioni, si tratterebbe di un autotrasportatore romeno, residente a Gela da alcuni anni. L’uomo è stato posto in quarantena nella sua abitazione. Salgono così a 13 i casi di Coronavirus accertati in provincia di Caltanissetta.

Nel suo video-messaggio il sindaco spiega: “Io non voglio creare allarmismi ma è bene non sottovalutare la situazione che diventa sempre più grave e pericolosa.
Un motivo in più per raccomandare, a quei pochi incoscienti, a quelle persone che ancora con grande irresponsabilità escono senza motivo e senza ragione valida da casa per futili motivi di non farlo.
Nei confronti di queste persone non risparmieremo nulla. Saranno punite e perseguite come meritano.
Io vi assicuro che da parte mia ce la sto mettendo tutta.
Continuerò a intensificare i controlli che saranno ancora più severi di prima.
Ho già disposto, sempre nel rispetto dei protocolli, anche una ulteriore sanificazione e disinfestazione della città che sarà fatta questa sera in maniera pregnante e capillare.
Mi raccomando, chi rispetta se stesso rispetta anche gli altri.
Non usciamo da casa, perché non uscendo da casa abbiamo salvaguardato la vita e la salute di noi stessi e degli altri”.

Sul primo caso di Coronavirus a Gela interviene con una nota il Santa Barbara Hospital della cittadina.
Nella nota viene specificato: “Il Sindaco di Gela Lucio Greco ha annunciato che un nostro concittadino è risultato positivo al tampone per il coronavirus. Contestualmente alla diffusione di questa notizia, qualcuno ha messo in circolo una fake news legata alla nostra struttura: secondo questa voce, la persona contagiata (che è stata subito isolata) avrebbe avuto contatti con una dipendente del Santabarbara Hospital.
Dopo aver eseguito le opportune verifiche smentiamo categoricamente e con assoluta certezza qualsiasi legame con il nostro ospedale.
Invitiamo tutti a tranquillizzarsi, a dare massima diffusione a questa nota e a seguire scrupolosamente le indicazioni del Sindaco per il contenimento del contagio”.