Associazione per delinquere di stampo mafioso, omicidi, estorsioni, produzione e smercio di stupefacenti. Scatta il blitz dei Carabinieri a carico degli uomini ritenuti componenti della cosca di Riesi.
Tra loro c’è anche una donna, considerata il boss a tutti gli effetti.

Si tratta di Maria Catena Cammarata, che aveva preso il posto dei fratelli ergastolani Pino e Vincenzo.
Aveva voce in capitolo su tutti gli affari criminali della cosca, e avrebbe coordinato con pugno fermo le estorsioni ai commercianti.

Stamattina Maria Catena Cammarata è finita agli arresti insieme ad una ventina di persone. La donna, che ha 65 anni,
è tornata in carcere dopo oltre 20 anni dal primo arresto. Nel 1998 fu la prima donna siciliana condannata come appartenente a Cosa Nostra.