Due uomini, un 39enne di Giarre ed un 53enne di Acireale, sono stati arrestati dai carabinieri del nucleo Radiomobile della compagnia di Giarre, in flagranza di reato, perché ritenuti responsabili di furto aggravato in concorso.

Nel pomeriggio di ieri, intorno alle 15.30, erano giunte al 112 alcune richieste d’intervento da parte dei residenti di via Sant’Agostino che avvertivano l’operatore della presenza di due individui che verosimilmente, dopo essersi introdotti in un’abitazione privata, stavano rubando vari oggetti dall’interno del garage annesso alla casa.

Pattuglia in arrivo con i ladri in azione

La pattuglia è stata immediatamente allertata riuscendo così a giungere sul posto mentre i due topi d’appartamento stavano ancora compiendo la loro razzia caricando, all’interno di una Fiat Multipla, vari utensili da muratore, una saldatrice ed una grande quantità di materiali ferrosi per un peso di oltre 350 chilogrammi.

Il più giovane ha tentato la fuga a piedi

Alla vista dei militari il più giovane dei due ladri ha tentato una fuga a piedi che però i militari, con scatto altrettanto fulmineo, sono riusciti a neutralizzare dopo una veloce corsa.

I due, in particolare, si erano introdotti all’interno dell’abitazione mediate l’effrazione di una finestra e poi, dal suo interno, hanno agito sulla serratura di chiusura della saracinesca del garage dal quale hanno successivamente asportato l’ingente refurtiva che, poi, è stata recuperata e restituita alla vittima del furto.

Il giudice, in occasione dell’udienza per la convalida dell’arresto, ha disposto per uno dei due l’obbligo di firma alla polizia giudiziaria. e gli arresti domiciliari per l’altro.

Due arresti a Catania e Misterbianco

I carabinieri della compagnia di Catania Fontanarossa sono stati impegnati nell’esecuzione di due provvedimenti restrittivi a carico di un 58enne di Librino e di un 50enne di Misterbianco.
In particolare i militari della Stazione di Catania Librino, in esecuzione di un ordine di carcerazione dall’Ufficio Esecuzioni Penali del Tribunale di Termini Imerese, a Palermo, hanno arrestato Rosario Drago, il quale dovrà espiare la pena di 4 mesi di reclusione per tentato furto aggravato in concorso commesso in Polizzi Generosa nell’agosto del 2016.

Analogamente i militari della tenenza di Misterbianco, in esecuzione di un’ordinanza emessa dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Corte d’Appello di Catania che sostituisce la misura cautelare degli arresti domiciliari con la detenzione in carcere, hanno arrestato il pregiudicato Simone Bagli.

L’uomo in particolare si era reso responsabile di violazioni alle prescrizioni della misura restrittiva, le quali sono state compendiate dai militari all’autorità giudiziaria che ne ha conseguentemente determinato l’inasprimento afflittivo.
Entrambi gli arrestati, espletate le formalità di rito, sono stati associati al carcere catanese di Piazza Lanza.