Danni provocati dall’intensa pioggia di ieri sera nel Catanese, dove si sono verificati diversi allagamenti.

Come scrive Gazzettinonline, sono stati numerosi gli interventi dei Vigili del Fuoco chiamati dagli automobilisti in difficoltà ma non solo.

Una frana è stata segnalata nella zona di via Tocco a Santa Maria La Scala, frazione del comune di Acireale.
Si tratta della stessa zona già stata colpita da provvedimento interdittivo questa estate, poi declassato a seguito delle proteste di residenti ed esercenti.

Sul posto anche la Protezione Civile del comune di Acireale per verificare l’entità dei danni.

Nella zona di via Caccamo, lungo l’asse viario che conduce da Pennisi a Zafferana, un albero è stato colpito da un fulmine ed è finito sulla carreggiata. Alle 21,30 sono intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Riposto che hanno rimosso l’albero liberando la strada al transito delle autovetture.

Proprio ieri un violento nubifragio si è abbattuto sul Palermitano, sono stati decine gli automobilisti soccorsi dai vigili del fuoco a Grisì, mentre nelle Madonie, è morto, dopo essere stato colpito da un fulmine, un operaio addetto alla raccolta dei rifiuti.

Tornando alla frana, una decina di persone è stata fatta evacuare ieri sera dalle loro abitazioni a Santa Maria La Scala a causa di tre grossi massi che, durante un forte temporale si sono staccati dalla Timpa e sono rotolati verso il centro abitato, fermandosi in via Tocco, a ridosso del paesino della Timpa, dopo aver spezzato alcuni alberi. Una trentina le abitazioni a rischio, la maggior parte delle quali residenze estive e quindi disabitate.