Sono oltre 52 le persone coinvolte nella vasta operazione antimafia eseguita dalla polizia di Catania nei confronti del del clan ‘Cappello-Bonaccorsi’. L’inchiesta della Procura Distrettuale etnea per la disarticolazione della cosca coinvolge anche mogli e figli dei boss. Nel blitz ‘Camaleonte’ sono stati impegnati centinaia di uomini della Polizia, con i reparti speciali e i nuclei investigativi, coordinati dalla Dda di Catania e dal Servizio centrale operativo.

Sono complessivamente 52 le persone destinatarie del provvedimento restrittivo emesso dal Gip di Catania su richiesta della locale Dda contro il clan Cappello-Bonaccorsi. Sono 44 gli arresti in carcere e due ai domiciliari eseguiti da squadra mobile della Questura etnea e dal Servizio centrale operativo (Sco) della polizia. Ad altre due persone è stato notificato l’obbligo di dimora nel comune di residenza.

Ai vertici dell’organizzazione, che ha diverse ‘diramazioni territoriali’, la Dda di Catania colloca lo storico capomafia Salvatore Cappello, ergastolano e detenuto in regime di 41bis. Un’associazione mafiosa, sostiene la Procura, dedita alla “commissione di delitti contro la persona, quali gli omicidi, perpetrati al fine di mantenere i rapporti di forza sul territorio, di tutelare i membri della consorteria, nonché per espandere il proprio predominio criminale”.

Il clan commetteva anche reati contro il patrimonio (rapine, furti ed estorsioni) e delitti connessi al traffico illecito di sostanze stupefacenti. Tutto questo, ricostruisce la Procura distrettuale, per “acquisire in modo diretto o indiretto la gestione o comunque il controllo di attività economiche, di concessioni, autorizzazioni e di appalti pubblici e per realizzare, comunque, profitti o vantaggi ingiusti”. Una parte degli introiti della cosca arrivavano anche dalla gestione di ‘piazze di spaccio’ con l’acquisto, l’importazione e la vendita di cocaina e marijuana. I reati sono contestati con l’aggravante per tutti di fare parte di una associazione composta da più di dieci persone e della disponibilità di armi.

Le indagini hanno preso avvio nel gennaio 2017 e rappresentano il proseguo dell’inchiesta su Sebastiano Sardo, esponente di vertice del gruppo mafioso, a capo di una ‘cellula’ interna dedita prevalentemente al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti. Si sono concluse nel gennaio 2019.

L’organizzazione era capace di far arrivare cospicui quantitativi di droga – hashish e marijuana – anche a Malta ed aveva in progetto di farvi giungere due approvvigionamenti al mese. I particolari sono stati resi noto durante una conferenza stampa alla quale hanno preso parte il procuratore della Repubblica Carmelo Zuccaro ed i vertici di della Direzione centrale anticrimine e dello Sco. Fondamentale nell’organizzazione era il ruolo delle donne, molte delle quali destinatarie dei provvedimenti restrittivi, che non soltanto facevano le veci degli uomini quando questi ultimi erano in carcere, ma avevano la contabilità del traffico di droga e disponevano il ‘recupero crediti’.

Nel corso dell’operazione è stato sequestrato il patrimonio aziendale della società “Sc Logistica srl” con sede legale a Catania . Sigilli anche ai conti correnti e depositi individuati e accesi presso gli Istituti di credito ed eventuali ulteriori conti correnti, depositi o altri rapporti finanziari intrattenuti da Mario Strano, dai familiari conviventi e dalle persone giuridiche, che dovessero emergere presso istituti di credito o presso uffici postali.

 

I nomi delle persone coinvolte nell’operazione Camaleonte 

  1. ANASTASI Alfio Carmelo Catania 16.7.1976
  2. AQUILINA Michael, nato a Malta il 4.12.1972,
  3. ARCIDIACONO Salvatore, Catania 19.7.1982, 
  4. BALBO Sebastiano, Catania 25.7.1968
  5. BERTI Fabio, Catania 29.7.1975
  6. BONACCORSI Concetto Catania 19.6.1986 
  7. BONACCORSI Simone, Catania 23.6.1992, 
  8. CASTORINA Salvatore, Catania 11.6.1983, 
  9. CRISAFULLI Giovanni Catania 23,10,1987,  
  10. CUFFARI Cristopher Michele, Catania 13.7.1992
  11. CULLETTA Giuseppe, Catania 4.6.1986,
  12. CULLETTA Salvatore, Catania 18.11.1966, 
  13. DI MAGGIO Concetto Catania 16.5.1960, 
  14. DI MAURO Ferdinando Catania 3.6.1956
  15. FERRERA Alfredo Catania 10.9.1983, 
  16. FUSTO Andrea Alessandro, Catania 12.1.1995, 
  17. GERACI Giovanni, Catania 17.7.1979, 
  18. GIUFFRIDA Andrea Catania 15.1.1982, 
  19. GRASSO Giuseppe Catania 12.6.1976
  20. GRESTA Alfio Catania 23.3.1989
  21. GRILLO Alessia Catania 10.9.1997 
  22. GUARDO Antonino Catania 6,8,1988 
  23. LA GRECA Giuseppe Catania 3.7.1975 
  24. LA PLACA Giuseppe Catania 4.5.1979 
  25. LIZZIO Massimiliano Catania 29.7.1978 
  26. MANNUCCIA Giuseppe Catania 29.3.1983, 
  27. MESSINA Salvatore Catania 12.10.1978 
  28. MONACO Lorenzo Cristian Catania 16.10.1988
  29. PALAZZO Massimo Catania 14.7.1973 
  30. PANTELLARO Giovanni Catania 6.8.1964 
  31. PECORA Salvatore Catania 7.11.1983 
  32. RAPISARDA Rosaria nata Catania 27.9.1981 
  33. ROMANO Carmine nato Catania 15.3.1995 
  34. RUSSO Anna Catania 19.1.1972 
  35. RUSSO Giuseppa nata Catania  15.8.1970 
  36. SALAMONE Vincenzo nato Catania 9.1.1983 
  37. SANTONOCITO Mario nato Catania 17.1.1964
  38. SANTORO Fabio Catania 31.8.1991 
  39. SANTORO Luca Catania  31.8.1991 
  40. SCHEMBRI Gordon, nato a Malta il 7.4.1986
  41. SCHILLACE Davide nato Catania 5.4.1960 
  42. SCUDERI Luigi nato Catania 10.11.1988 
  43. SOTTILE Giuseppe nato Caltagirone 6.7.1987 
  44. SOTTILE Nicolò nato Caltagirone 9.1.1992
  45. STRANO Alfio nato Catania 23.8.1965 
  46. STRANO Concetta nata Catania 11.1.1989 
  47. STRANO Mario Catania 9.3.1965 
  48. TRECCARICHI SCAUZZO Goffredo Francesco Catania 2.4.1986
  49. TUCCI Sebastiano Orazio nato Catania 26.9.1973
  50. VALENTI Maurizio nato Catania l’11.2.1974
  51. VASTA Guido nato Catania 26.5.1984
  52. VITANZA Agatina nata a Biancavilla 30.10.1982