I carabinieri delle Stazioni di Caltagirone e Granieri, con il supporto dei colleghi del Reggimento Sicilia e del Nucleo Cinofili di Nicolosi, hanno arrestato il 41enne Fabio Cannizzaro per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio, detenzione abusiva di armi da fuoco e munizionamento e per ricettazione.

L’uomo, un allevatore ovino che con il suo nucleo familiare vive in una casa rurale nella frazione San Paolo di Caltagirone, è una vecchia conoscenza dei militari e, proprio per i suoi trascorsi, era da essi ritenuto un soggetto d’interesse operativo, proprio per la strana disponibilità di marijuana recentemente da loro riscontrata in quelle zone.
I militari sino sono presentati all’alba di ieri presso la sua abitazione che, per oggettive difficoltà, richiedeva loro di essere in forze sufficienti e soprattutto della collaborazione di Auro ed Athos, due splendidi cani per la ricerca di armi e droga.
L’uomo per limitare i danni, li ha portati in un magazzino annesso all’abitazione dove, da un mobile in un vano adibito a bagno, ha estratto una busta di cellophane contenente 115 grammi di marijuana.
Non contenti però, guidati dai cani, i militari hanno trovato una vera e propria serra indoor per la coltivazione della marijuana: concime, lampade di elevata potenza per la generazione del calore, ventilatori, qualche germoglio di cannabis indica.

Nel prosieguo della ricerca inoltre, in un’altra abitazione dove vive la madre di Cannizzaro insieme al nipote, i militari all’interno del water hanno rinvenuto una busta gettata da quest’ultimo nel tentativo, riuscito come confermato dall’interessato, di disfarsi di altri quantitativi di marijuana.
In un locale attiguo a quest’ultima abitazione hanno rinvenuto vario munizionamento per arma lunga nonché un fucile cal. 9 che è frutto di un furto perpetrato nell’aprile del 2017 in un’abitazione di Caltagirone.

L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato sottoposto agli arresti domiciliari.