È stato arrestato ieri sera in centro città dai poliziotti delle Volanti un cittadino di nazionalità marocchina, 27 anni. L’uomo aveva tentato il furto di una bottiglia di vodka del valore di circa 50 euro all’interno di un supermercato. Sorpreso da personale addetto alla sicurezza aveva reagito con minacce e spintoni per guadagnare la fuga e portare con sé la refurtiva. Una volta fuori, è tornato sul posto con un’ulteriore bottiglia in vetro che ha lanciato contro i dipendenti dell’esercizio commerciale i quali, fortunatamente, sono riusciti a schivare l’oggetto.

I poliziotti lo hanno individuato e bloccato poco dopo a circa un centinaio di metri dal supermercato. I successivi accertamenti hanno permesso di risalire all’identità dell’uomo ed evidenziare un decreto di espulsione a suo carico dal territorio nazionale. Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, l’uomo è stato portato presso la casa circondariale di Catania

Le Volanti hanno anche fermato il colombiano O.L.S., 23 anni, per il reato di evasione dagli arresti domiciliari.
Gli agenti dopo aver proceduto al controllo di un uomo appiedato che si aggirava con fare sospetto in via Caronda, lo hanno identificato per O.L.S e tramite gli accertamenti esperiti in Sala Operativa è emerso che l’uomo era sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari presso la sua abitazione, ubicata a circa 2 km di distanza, per i reati di rapina, estorsione e ricettazione. Per tale motivo il colombiano è stato arrestato per il reato di evasione e su disposizione del PM di turno è stata ripristinata la misura cautelare.

Agenti del Commissariato di Adrano hanno inoltre denunciato un minorenne per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Alla vista della Volante si è dato alla fuga per le vie limitrofe, ma è stato prontamente inseguito e bloccato. I poliziotti hanno trovato sei involucri in cellophane, con cocaina. A quel punto gli agenti hanno deciso di effettuare la perquisizione personale del ragazzo e hanno rinvenuto la somma di 70 euro. Il giovane pertanto è stato deferito all’Autorità Giudiziaria.