Ricominciare a cucinare cibi genuini di una volta  rappresenta  un ritorno alla tradizione rurale mai come in questo momento storico necessario e salutare per il nostro organismo oltre che per l’intero pianeta. Tra questi il  fagiolo dall’occhio è una tipologia di legumi, a molti sconosciuta, non solo buonissima ma anche ricca di proprietà.  Si tratta di legumi color crema con una caratteristica macchia nera a forma di anello intorno all’ilo, il punto di distacco dal baccello.

 

Questi legumi, in passato,  non mancavano mai negli orti ed erano tra i prodotti “poveri” ricchi di proprietà che non mancavano mai a tavola  e che, oggi, meritano, assolutamente,  di essere ricordati per la loro  semplicità e genuinità. Non esistevano sprechi e veniva utilizzata ogni parte dell’alimento, sia che si mangiassero da soli che  in  accompagnamento alle carni, bolliti misti o  nel brodo.

Questi legumi  di piccole dimensioni sono ricchi di proprietà e ideali per chi sta seguendo una dieta dal momento che sono decisamente ipocalorici. I fagioli dall’occhio, infatti,  contengono pochi i grassi e sono  ricchi di fibre utili nel regolare l’intestino. Contengono, inoltre, alta percentuale di ferro, magnesio, potassio, selenio e vitamine A, B e C . Grazie all’alta presenza di proteine, poi, questi fagioli sono una considerati la “carne dei vegetariani” poichè in 100 grammi  contengono ben 23 grammi di proteine contro il basso livello di zuccheri.  Per questo motivo possono essere adoperati in  moltissime diverse ricette, in invero o in estate,  freddi o caldi,  facili o più complesse.

Se si utilizzano quelli secchi, bisogna sempre ricordarsi di metterli in ammollo per almeno 6 ore prima di preparare la ricetta. Solitamente questo procedimento si fa la sera, così sono pronti per essere cucinati la mattina seguente. Durante il periodo estivo sono davvero strepitosi se utilizzati in insalate o inserite in un minestrone tradizionale piuttosto che per vellutate o risotti. Dopo averli  tenuti  in ammollo per una notte, poi  vanno sciacquati bene e cotti  in acqua bollente per circa 1 ora (senza sale). Una volta pronti possono essere utilizzati in diversi modi, in zuppe di cereali e legumi, uniti a riso o pasta, oppure ripassati in padella con del pomodoro. Si servono anche conditi con un filo d’olio extra vergine , pepe e qualche goccia d’aceto e prezzemolo.

Di seguito vi proponiamo una ricetta gustosa e semplice per  realizzare la quale troverete tutti gli ingredienti all’interno della dispensa virtuale di InSicilia, l’e-commerce di prodotti siciliani da ordinare on line e ricevere comodamente a casa. In particolare i fagioli dall’occhio dell’azienda agricola Villalba , l’ aglio siciliano di Nubia dall’ odore e sapore particolarmente aromatici in grado di rendere ogni pietanza speciale, i filetti di acciuga EXTRA con peperoncino in olio d’oliva per coloro che volessero aggiungere un pizzico di sapidità e piccantezza in più. Fondamentale per la riuscita del piatto è il Rosmarino Siciliano Biologico al naturale di Aldo Aimo, ideale per  preparare primi e secondi piatti dal gusto mediterraneo grazie al suo odore intenso e persistente. Infine, per preparare i crostini con cui accompagnare la vostra zuppa fredda sarà perfetto il Pane di grani Antichi Siciliani realizzato con lievito Madre e con farina di   Tumminia che vi basterà tagliare a fette e tostare in forno e condire con  un giro d’ Olio Extravergine di Oliva TERRA SURTI, un’eccellente unione di raffinate cultivar dei Monti Iblei dal fruttato medio intenso che sfoggia accattivanti sentori di erbe aromatiche.

Zuppa fredda di fagioli dall’occhio 

Ingredienti (per 4 persone)
500 gr di fagioli dall’occhio
4 spicchi d’aglio
una cipolla
filetti d’acciuga (facoltativi)
vino bianco
brodo vegetale
prezzemolo
rosmarino
sale e pepe q.b.
olio extravergine d’oliva q.b.


Dopo aver tenuto a bagno per la nottata i fagioli, sciacquateli abbondantemente. Quindi cuoceteli con poco brodo vegetale preparato precedentemente.  A parte preparate  un soffritto di aglio e cipolla ben tritati cui unirete (se volete)  qualche filetto d’acciuga che farete sciogliere accuratamente e  sfumate con il vino bianco. Aggiungete i fagioli e unite il prezzemolo e il rametto di rosmarino.  Salate se necessario e pepate. Lasciate raffreddare e servite la zuppa fredda accompagnata con crostini di pane condita con un giro d’olio extravergine d’oliva. Questo piatto può  anche essere usato come contorno o  per creare un  pasticcio di verdure  in crosta dal sapore insolito.