Oltre 600 gli atleti parteciperanno alla Mezza Maratona Città di Capo D’Orlando by night. La manifestazione in programma sabato 11 maggio nella splendida cittadina tirrenica del messinese è giunta alla sua nona edizione. La manifestazione sportiva particolare, in notturna, che in Italia fa il palio solo con quella che si corre a Jesolo. Lo start della manifestazione, organizzata dalla Podistica Capo d’Orlando, e inserita nel calendario nazionale della Fidal – livello Bronze, verrà dato alle ore 19 davanti al complesso sportivo PalaValenti sul lungomare Andrea Doria.

La manifestazione è stata illustrata questa mattina a Capo d’Orlando dove è in programma pure l’iniziativa Little Sicily, in programma nel centro cittadino dal 17 al 19 maggio. “Sono numeri importanti – ha affermato il presidente della Podistica Capo d’Orlando Cinzia Sonsogno –  ringrazio tutti gli atleti e i loro accompagnatori che hanno scelto Capo e la manifestazione. Una gara – ha concluso la Sonsogno – che schiaccia l’occhio al turismo e alla condivisione dei valori dello sport”; da nove mesi lavoriamo all’evento per dare qualità e accoglienza e regalare a tutti una bellissima giornata di sport.”

Il pettorale numero 1 è stato assegnato ad Antonino Lollo (Atletica Bargamo 1959) atleta che vanta un crono di 1h07’20 nella mezza maratona e 2h24’18 in maratona. Siciliano di Messina, ma vive in Brianza, Lollo nel 2017 ha trionfato alla maratona di Pisa. Nel marzo scorso, al rientro dopo un infortunio, si è aggiudicato a Vigevano la 13a edizione della Scarpadoro. Pettorale numero 2 a Filippo Lo Piccolo, vincitore del 2015 della Maratona di Palermo e  primo, domenica scorsa, alla Mezza maratona di Terrasini. Al femminile favori del pronostico per la catanese della Podistica Messina Tatiana Betta, già vincitrice a Capo d’Orlando nel 2017. Lo scorso anno invece a vincere furono i due portacolori della Mega Hobby Sport Mohamed Idrissi e Annalisa Di Carlo.

In gara ci sarà anche Vito Massimo Catania che spingerà la carrozzina di Giusi Colombo affetta da sindrome atassica, un ritorno a Capo d’Orlando dove ebbe inizio la loro avventura sportiva e solidale, da allora hanno percorso insieme oltre 600 chilometri.

Non solo la canonica distanza sui 21,097 chilometri, ma anche una 10.5 chilometri diventata negli anni appuntamento fisso e atteso dell’intera kermesse e meglio conosciuto come #RunForPassion che permetterà anche ai meno allenati di godere attivamente di una bellissima giornata di sport. A fare da prologo alla manifestazione di sabato le gare giovanili che apriranno l’evento già a partire dal primo pomeriggio. In particolare sono 460 coloro che correranno la mezza maratona e 141 gli iscritti alla quarta edizione della #RunForPassion.