E’ stato visto estrarre un’arma dal borsello e puntarla contro alcuni cani randagi. E’ accaduto sabato mattina in centro città a Messina. L’immediato intervento dei poliziotti delle Volanti impegnati nel controllo del territorio ha permesso di individuare l’uomo.

Il sessantacinquenne ha consegnato spontaneamente una pistola a tamburo a salve con relativo tappo rosso e un coltello lungo 20 centimetri che teneva nel borsello.

La successiva perquisizione portava al rinvenimento di un’altra pistola calibro 8, anche questa con tappo rosso, con relativo caricatore e circa 100 cartucce che l’uomo custodiva in un’altra borsa a tracolla.

Si è ritenuto necessario, quindi, fare un’ulteriore perquisizione, stavolta presso l’abitazione dell’uomo, all’interno della quale i poliziotti hanno rinvenuto una terza pistola ad aria compressa, una quarantina di piombini ed altrettante cartucce per pistola a salve.
Tutto il materiale è stato sottoposto a sequestro e l’uomo denunciato per i reati di porto di armi ed oggetti atti ad offendere e procurato allarme.