È rischioso bere alcolici dopo la vaccinazione contro il Covid-19? Sì, secondo il dottor Illehm Messaoudi, direttore del Center for Virus Research dell’Università della California perché l’alcol può indebolire il sistema immunitario e ridurre i benefici del vaccino. Lo riporta il New York Times.

Sebbene ad oggi non ci siano prove formali che l’ingestione di una grande quantità di alcol possa interferire con i benefici del vaccino anti Covid-19, studi precedenti hanno dimostrato che può, soprattutto per un lungo periodo di tempo, indebolire l’efficacia del farmacio e la risposta immunitaria.

Uno di questi studi, condotto dal dottor Messaoudi e dai suoi colleghi, ha mostrato che i soggetti che hanno bevuto molto alcol – le scimmie in questo caso – hanno avuto una risposta vaccinale molto inferiore rispetto a quella delle scimmie che hanno bevuto moderatamente.

Il ricercatore ha affermato: «Hanno avuto un risposta immunitaria quasi inesistente. La colpa è della produzione ridotta di anticorpi e del cambiamento del numero di microbi nell’intestino».

Di conseguenza, «se sei un bevitore moderato, non c’è alcun rischio di bere nel momento del vaccino» ma è «pericoloso bere grandi quantità di alcol perché gli effetti su tutti i sistemi biologici, compreso il sistema immunitario, sono gravi e si verificano abbastanza rapidamente dopo avere lasciato questa zona ‘moderata’».

Questa «zona moderata» è di due drink al giorno per gli uomini e di un drink al giorno per le donne. Al contrario, il consumo di alcol pesante è fissato a quattro o più bevande al giorno per gli uomini e tre o più bevande per le donne.