Scade il prossimo 17 ottobre 2019 il termine di partecipazione al prestigioso concorso, per titoli ed esami, indetto dalla Corte dei Conti. Sessantaquattro sono i posti di Referendario da inserire nel ruolo della carriera della Magistratura contabile.

Il bando è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Concorsi ed Esami del 19 luglio 2019.
I vincitori che conseguono la nomina sono assegnati alle Sezioni e alle Procure regionali della Corte dei conti, con esclusione di quelle con sede a Roma (permanenza minima nella sede di prima assegnazione stabilita in 3 anni).

La domanda di partecipazione deve essere presentata esclusivamente per via telematica e provenire da un indirizzo di posta elettronica certificata personalmente intestato al candidato che, a tal fine, deve registrarsi sul portale concorsi all’indirizzo https://concorsionline.corteconti.it, seguendo la procedura indicata.

Possono accedere alla selezione le seguenti categorie: avvocati dello Stato e i procuratori dello Stato alla seconda classe di stipendio; magistrati militari di tribunale e i magistrati amministrativi; magistrati ordinari nominati a seguito di concorso per esame, che abbiano superato il tirocinio conseguendo una valutazione positiva di idoneità; avvocati iscritti nel relativo albo professionale da almeno 5 anni; dipendenti di ruolo delle amministrazioni pubbliche, dipendenti dei due rami del Parlamento e del Segretariato generale della Presidenza della Repubblica, i funzionari degli organismi comunitari, i militari appartenenti al ruolo ufficiali; il personale docente di ruolo delle Università nonché ricercatori, confermati o che abbiano conseguito l’abilitazione scientifica nazionale in materie giuridiche, con almeno 3 anni di anzianità di servizio.

In ogni caso, deve trattarsi di soggetti assunti attraverso concorsi pubblici, muniti della laurea in giurisprudenza almeno quadriennale, con qualifica dirigenziale o appartenenti alle posizioni funzionali per l’accesso alle quali è richiesto il possesso del diploma di laurea e con almeno 5 anni di anzianità di servizio a tempo indeterminato.

I candidati al ruolo di referendario della Corte dei Conti dovranno sostenere 4 prove scritte ed una prova orale.

Nella Gazzetta Ufficiale (4^ Serie Speciale “Concorsi ed Esami” del 19 novembre 2019) e sul portale di cui all’art. 4, comma 2, del bando di concorso sarà data comunicazione dei giorni, dell’ora e della sede in cui avranno luogo le prove scritte che verteranno sulle seguenti materie: diritto civile e diritto commerciale, con riferimenti al diritto processuale civile; diritto costituzionale e diritto amministrativo; contabilità pubblica, scienza delle finanze e diritto finanziario e una prova pratica consistente nella redazione di una sentenza o di un parere afferente le funzioni della Corte dei Conti.

Nella successiva prova orale, in aggiunta alle discipline di concorso della prova scritta, i candidati dovranno dimostrare di possedere adeguata preparazione nelle seguenti materie: diritto internazionale e diritto dell’Unione Europea, diritto regionale e degli enti locali; diritto tributario e diritto pubblico dell’economia; diritto penale e diritto processuale penale; politica economica; controllo delle aziende e delle amministrazioni pubbliche; statistica economica e lingua straniera (a scelta tra inglese, francese, tedesco e spagnolo).

Alla domanda di partecipazione, a pena di esclusione dalla selezione, è anche richiesta l’esibizione di copia della ricevuta di versamento di 50 euro quale contributo per le spese relative all’organizzazione ed all’espletamento del concorso, secondo le modalità meglio precisate nel bando, cui si rinvia per ogni ulteriore dettaglio e disponibile al link: http://www.corteconti.it/export/sites/portalecdc/_documenti/amministrazione_trasparente/bandi_di_concorso/concorso-pubblico-64-posti-referendario/2019_DP101_BANDO-CONCORSO-PUBBLICO-A-64-POSTI-DI-REFERENDARI-CORTE-CONTI_signed_PROT.pdf