Sono stati ripartiti i fondi alle Regioni per l’edilizia residenziale sociale. Alla Sicilia andranno più di 22 milioni di euro di fondi ex Gescal. Le somme andranno alle Regioni dopo l’intesa raggiunta in conferenza unificata al Ministero delle Infrastrutture  il 20 giugno scorso. Alla Sicilia sono stati assegnati 22 milioni e 646 mila euro di fondi residui ex Gescal su una somma complessiva di 250 milioni di euro. Adesso le Regioni devono avviare le procedure di utilizzo di questi fondi e aprire un confronto con le organizzazioni sindacali per la loro destinazione.

Il Sunia anche in Sicilia, come ha già fatto il Sunia nazionale, chiede che tutti i fondi siano destinati a realizzare alloggi in affitto a canone sostenibile per rispondere al bisogno abitativo delle tante famiglie disagiate.  “Chiediamo – dice la segretaria generale del Sunia Sicilia Giusi Milazzo – che le risorse vengano impiegate tutte in abitazioni in affitto a canoni sostenibili e non disperse per altri interventi. Preferibilmente riqualificando gli immobili pubblici non più utilizzati che rischiano il degrado, rigenerando quartieri di edilizia pubblica, razionalizzando gli spazi e avviando un programma di efficientamento statico ed energetico, come per altro  prevede la delibera d’indirizzo del dicembre 2017”.

Le risorse comunque non sono giudicate sufficienti dal Sunia Sicilia.  “Quella dell’assegnazione delle risorse ex Gescal – prosegue Giusi Milazzo – è certamente una buona notizia ma siamo convinti che i fondi siano insufficienti per le reali esigenze. Per questo ribadiamo che è necessario un programma anche regionale di riqualificazione e rigenerazione urbana che parta dalle periferie e garantisca un’adeguata offerta di alloggi sociali con una  dotazione certa e continuativa di risorse”.