“Gli arresti del management della Bluetec di Termini Imerese confermano alcune perplessità delle parti sui piani d’ investimento. Non abbandoniamo i lavoratori che sono le vittime di questa storia. Dobbiamo prima di tutto metterli in sicurezza. Ho già dato mandato agli uffici del Ministero di contattare l’amministratore giudiziario per salvaguardare i livelli occupazionali”. Così il Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, in una nota, ribadisce l’impegno del Ministero sulla vertenza Bluetec.

Siamo preoccupati per le 700 famiglie di Termini Imerese, in ansia per il loro futuro, la giustizia seguirà il suo corso, per noi è ora importante mantenere l’occupazione ai lavoratori“.

Lo afferma il deputato M5S all’Ars Giancarlo Cancelleri, in relazione alla notizia degli arresti del presidente del cda e dell’amministratore re delegato di Blutec, la società che ha rilevato lo stabilimento Fiat di Termini Imerese.

“Gli ultimi avvenimenti confermano le grandi perplessità sui piani di investimento – conclude Cancelleri – noi comunque assicuriamo la massima collaborazione istituzionale per trovare una soluzione al più presto. Per questo siamo in contatto col ministro Luigi Di Maio”.

“Quella di oggi è una triste pagina per la nostra città. L’ennesima falsa promessa industriale che ha tenuto sotto ricatto un intero territorio per anni, con l’avallo della vecchia politica, che ha permesso tutto ciò”.

Lo afferma il deputato M5S all’Ars, Luigi Sunseri, in relazione agli arresti dei vertici di Blutec

“ll messaggio che questa vicenda lancia – continua il parlamentare – è orribile. Sembra che, per l’ennesima volta, nella nostra Sicilia non si riesca a creare lavoro e a dare dignità ai siciliani in modo onesto. I lavoratori ex Fiat, vere vittime di questa triste storia, sappiano che possono contare sul nostro massimo impegno”.