Un giunto è saltato nell’autostrada Palermo Catania nel giunto viadotto Fiumetorto nei pressi di Termini Imerese. La polizia stradale è intervenuta insieme agli operai dell’Anas.

Gli automobilisti in direzione di Catania sono costretti ad uscire dallo svincolo d Termini Imerese ed entrare in autostrada dallo svincolo dell’agglomerato industriale.

L’autostrada A19 “Palermo-Catania” è provvisoriamente chiusa al traffico, in direzione Catania, tra gli svincoli di Termini Imerese e Agglomerato Industriale.

Il provvedimento si è reso necessario in seguito all’accertamento, da parte delle squadre di Anas, della presenza di un giunto di dilatazione danneggiato lungo il viadotto “Fiumetorto”.

L’itinerario alternativo è costituito dalla strada statale 113 “Settentrionale Sicula”, tra lo svincolo di Termini Imerese e quello di Agglomerato Industriale.

Non è stato possibile istituire il doppio senso di circolazione sulla opposta carreggiata in quanto la carreggiata in direzione Palermo, nello stesso tratto, è attualmente interessata da un intervento di rifacimento del cavalcaferrovia.

Inevitabile il parallelismo con quanto accaduto oltre due anni fa sul viadotto Himera. La situazione non sembra possa essere paragonabile ma la paura degli automobilisti che percorrono normalmente quella strada appare comprensibile.

Di fatto non c’è pace per questa autostrada e in particolare per il primo tratto da Palermo a Termini Imerese. Appena un paio di giorni fa, infatti, si era verificato un altro stop al traffico. Sabato l’autostrada Palermo-Catania sempre la stessa, era rimasta chiusa in entrambe le direzioni in quel caso fra  Bagheria e Villabate.

A causare quello stop al traffico in pieno week-end era stato un cavo dell’alta tensione allentatosi e nelle ore successive i tecnici hanno dovuto provvedere a ripararlo. Inevitabili i disagi e qualche protesta.

Nel tormentato fine settimana si erano registrati problemi per gli automobilisti anche sull’autostrada Palermo-Mazara del Vallo dove, a causa del forte vento alcuni alberi erano finiti sulla sede stradale nel tratto compreso tra Balestrate e Partinico.