Sono 301 i beni confiscati alla criminalità organizzata che il Comune di Palermo ha destinato a famiglie in situazione di emergenza abitativa (totale 162 appartamenti) o a finalità sociali (totale 139 beni fra terreni, uffici, magazzini, ville ed appartamenti non destinabili ad abitazioni).
Di questi 301, 121 sono stati assegnati nell’ultimo triennio, mentre 180 erano stati assegnati in tutti gli anni di precedente applicazione della legge Rognoni-La Torre (quindi dal 1987 al 2013).
Oggi, alla presenza del Sindaco Leoluca Orlando e dell’Assessore al patrimonio Luciano Abbonato, si è svolta la consegna simultanea di 31 beni ad altrettanti enti non-profit che avevano risposto ad un bando pubblico emesso dal Comune a Novembre. Si tratta della più grande consegna simultanea ad enti non profit che sia mai stata fatta.

“Negli ultimi tre anni – sottolinea Orlando – grazie al rinnovato impegno dell’Amministrazione comunale e ad una rinnovata sintonia con l’Agenzia Nazionale per i beni confiscati, abbiamo imposto una straordinaria accelerazione sia al trasferimento al Comune di beni che erano confiscati da tempo, sia alla loro successiva assegnazione o destinazione ad usi di utilita pubblica. Non dimentichiamoci infatti degli oltre trenta plessi scolastici e di altri beni rilevanti come il nuovo comando di Polizia Municipale.”

A sottolineare anche la innovatività e la trasparenza della procedura adottata è l’Assessore Luciano Abbonato che ha la delega al patrimonio.
“Attraverso un sistema di accreditamento e presentazione dei progetti online – afferma – abbiamo assicurato un procedimento trasparente e lineare che ha permesso ad oltre 90 organizzazioni di visionare prima online e poi di presenza i beni, e quindi di presentare oltre 100 progetti.”

A partire da lunedì inoltre tutti coloro che sono risultati idonei ma non assegnatari a seguito dei sorteggi o perché preceduti in graduatoria da altri enti saranno convocati per aver offerta la possibilità di assegnazione di altri beni analoghi a quelli richiesti e che in questa prima fase non sono stati assegnati (o perché non richiesti da nessuno o perché nessuno dei richiedenti è risultato idoneo). Fra i beni da assegnare risultano ancora alcuni uffici, ville e magazzini.

“In questo modo – spiega il Sindaco – contiamo di assegnare se non tutti quasi tutti i beni che erano stati messi a bando, venendo incontro alle esigenze di tutte le associazioni ed enti che hanno presentato progetti validi e che in un regolare sistema di bando pubblico non sono in questo momento assegnatari.”

Di seguito si riporta una breve sintesi di alcuni dei progetti che sono già risultati assegnatari.

Ente: Associazione “GIovani In”
Progetto: Nei quartieri di Romagnolo e Sperone, creazione di un centro di aggregazione giovanile sui temi della solidarietà, diritto al gioco, volontariato e cultura. Formazione dei giovani volontari per l’animazione, i giochi di strada, organizzazione feste bambini, laboratori teatrali, artistici e ludici, laboratori di riciclo materiale e rispetto per l’ambiente.

Ente: Onlus Italia nostra
Progetto: Conoscenza e valorizzazione del territorio e del patrimonio ambientale, culturale, torico e artistico e umano di Palermo. Le attività saranno rivolte a tutti i cittadini residenti a Palermo di ogni età: seminari e incontri di formazione per operatori dell’amministrazione comunale (impiegati, vigili urbani, addetti agli info point) sulla salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio ambientale e artistico. Campagne di monitoraggio dell’arredo urbano e dei monumenti della città. Consulenza su itinerari per favorire accessibilità ai patrimoni artistico, storico e culturale

Ente: Sartoria Sociale 3D
Progetto: uso di nuove tecnologie per nuovi orizzonti creativi. Attività artigianali, culturali e sociali rivolte a tutti i cittadini. Uso della stampante 3D per creazione di accessori d’abbigliamento e decorazioni tessili con uno spettro creativo non consentito dalle tecnologie tradizionali bidimensionali.

Ente: Ail Palermo
Progetto: creazione di una una casa di accoglienza per alloggio gratuito ai pazienti onco-ematologici fuori sede, e ai loro familiari, in cura nei Day Hospital e nei reparti delle Ematologie palermitane. Offerta servizio navetta da e per gli ospedali, accoglienza dei volontari assistenza psicologica specializzata.

Ente: Ceipes
Progetto: Rise Lab. Realizzazione di HubCentre che sia punto di riferimento per il quartiere per buone pratiche di inclusione sociale, innovazione e partecipazione. Realizzazione di percorsi educativi, riabilitazione giovani e adulti con disabilità, diritti umani e della legalità, immigrazione.

Ente: Life and Life
Progetto: Tusinami School – appartamento via Serraglio Vecchio, 28. Dare vita ad un logo che sia da una parte aggregativo per i giovani e dall’altra un servizio di supporto per i ragazzi su attività scolastica. Servizio doposcuola. Corsi di lingua. Servizio assistenza genitori. Supporto universitari stranieri. Corsi e laboratori.

Ente: Accademia Antonino Galvagno
Progetto: Promozione attività educative e formative su patrimonio storico-culturale della nostra tradizione. Corsi gratuiti per soggetti economicamente disagiati e portatori di handicap. Corsi didattici ambito della pasticceria, della cucina e della gelateria.

Ente: Apriti Cuore.
Progetto: Percorsi di Housing First rivolti a giovani in uscita da percorsi di istituzionalizzazione. Appartamento

Ente: Le Onde Onlus.
Progetto: Realizzazione della nuova sede del centro Antiviolenza de Le Onde Onlus, luogo di ascolto, supporto e protezione per le donne che soffrono violenza. Servizio di risposta telefonica. Percorsi di accoglienza per l’elaborazione di progetti individuali a breve, medio e lungo termine, percorsi psicoterapeutici individuali e di gruppo, orientamento professionale e al lavoro, raccolta ed elaborazione dei dati del centro antiviolenza.

Ente: Associazione InformaGiovani
Progetto: Sprotello InformaGiovani e per la promozione della mobilità internazionale.
Suddiviso in tre aree. Area informazione, promozione e animazione territoriale. Area mobilità internazionale a volontariato. Area formazione

Ente: Guardia Costiera Ausiliaria
Progetto: “La sicurezza in mare e le nuove tecnologie. Attività formative e sociali mirate al re-inserimento sociale dei giovani e delle famiglie disagiate attraverso un “percorso della legalità” e riabilitazione di soggetti diversamente abili con attività acquatiche e ludico-educative.

Ente: Associazione Tommaso Natale e Dintorni
Progetto: La CASA DEL CUORE prevede la realizzazione di uno spazio polifunzionale che rende il bene concesso in affidamento (una villa), un posto vissuto dalla collettività. Verranno organizzate attività, con l’ausilio di professionisti e volontari, rivolte a bambini, anziani, adulti e ragazzi, senza alcuna distinzione di sesso, età, razza, religione e ceto sociale.

Ente: Parsifal Soc. Coop. Sociale
Progetto: Social Domus finalizzato a promuovere lo sviluppo socio-culturale del territorio attraverso la creazione di un luogo di accoglienza, di promozione ed educazione per giovani, adulti ed anziani che si trovano in condizione di esclusione e/o svantaggio educativo, sociale, lavorativo, offrendo loro diverse attività, nel campo dell’arte, dell’artigianato, del canto, della musica, del supporto e dell’orientamento scolastico e lavorativo.

Ente: Parrocchia Santa Maria degli Angeli
Progetto: “Ho avuto fame, sete ed ero nudo” con l’obiettivo di prevenire e rimuovere situazioni di particolare bisogno ed emergenza delle fasce disagiate, promuovendo i principi di solidarietà e legalità, con la realizzazione di un centro di raccolta e smistamento di derrate alimentari, indumenti, prodotti per l’igiene personale e la casa, di apparecchiature mediche. Destinatari, almeno 100 nuclei familiari di indigenti della borgata Partanna Mondello.

Ente: Associazione Alpha Onlus
Progetto: “Sostegno all’infanzia e l’adolescenza” che ha due obiettivi. Il primo in area socio-sanitaria, mirante alla creazione di uno spazio polifunzionale che possa accogliere un’utenza che necessita cura, sostegno e riabilitazione relativamente ai disturbi dello sviluppo; il secondo, in area educativa-riabilitativa e ludico-ricreativa con la proposta di attività atte a favorire lo sviluppo ed il benessere nell’infanzia ed adolescenza ed il sostegno alle famiglie ed alla genitorialità.

Ente: Omnia Service Coop. Sociale
Progetto: LIBERA ACCADEMIA SOCIALE, in ambito sociale, culturale, educativo e ludico-ricreativo, inglobando servizi di supporto didattico, laboratori ludico-ricreativi, socializzazione tra genitori e figli, amare la natura, sportello di ascolto per adulti, vacanze in allegria, attività ricreative e manifestazioni culturali nelle serate dei week-end. I locali fungeranno principalmente quale centro di aggregazione sociale che vedrà coinvolte varie fasce della popolazione.

Ente: Associazione CLAC
Progetto: Zisa Creativa Point, un nuovo spazio culturale della città nel locale assegnato, situato in posizione strategica in zona ricadente nell’itinerario Unesco, sarà il centro nevralgico di un Distretto Culturale che aggregherà i soggetti attivi del territorio circostante. I servizi erogati riguarderanno la formazione e l’aggiornamento in campo culturale e turistico, l’animazione territoriale e la promozione del quartiere, l’aggregazione di rete e la consulenza per la creazione di economia di scala, la collaborazione, il riuso ed il baratto tra i cittadini, la comunicazione ed il marketing, il turismo sociale.

Ente: Associazione VIP – Viviamo in positivo
Progetto di promozione di Teatroterapia. Il teatro sarà il punto di partenza delle attività che si svolgeranno a partire da laboratori di teatro e di teatroterapia rivolti alle scuole e ai cittadini con particolare riguardo ai soggetti disabili, agli anziani, ai migranti. Per ogni esperienza seguiranno mostre, esposizioni e dibattiti o tavole rotonde.

Ente: Centro studi Agorà
Progetto: realizzare un prototipo di residenza sanitaria assistenziale polifunzionale intelligente (ReSAPI), dedicato ad una longevità – attiva ed indipendente – dell’anziano e delle donne vittime di violenze ed abusi. Quanto sopra, grazie all’integrazione sinergica di tre sistemi tra loro complementari: un laboratorio di ricerca, un ambiente residenziale “all inclusive” ed un sistema NET per facilitare l’inserimento del centro in rete. Durante la permanenza dell’ospite in residenza, saranno messi in opera tutti gli strumenti ed accorgimenti atti a riprodurre un ambiente familiare ed un clima di comunità.

Ente: Associazione Cuore che vede
Progetto: Franti. Si propone di realizzare un centro aggregativo giovanile ad accesso gratuito, aperto al territorio, con lo scopo di accogliere e promuovere la crescita di preadolescenti ed adolescenti, predisponendo attività sociali ed animative con funzioni educative e formative. Obiettivi del progetto, l’identificazione e la prevenzione del disagio e dell’esclusione sociale, l’acquisizione di un corretto stile di vita e di competenze da spendere nel mercato del lavoro.

Ente: ONLUS Segni di Integrazione
Progetto: GenerAzioni. Si propone il raggiungimento di obiettivi, rivolti a famiglie, disabili, soggetti svantaggiati e non autosufficienti da 0 a 100 anni, per incrementare l’integrazione di soggetti svantaggiati e creare opportunità occupazionali, ridurre il senso di “abbandono” e la promozione di un circolo virtuoso di solidarietà fra generazioni differenti, creare un luogo di aggregazione ludico-formativo ed uno spazio destinato all’accoglienza. Le attività saranno diurne in regime di semiconvitto, di supporto alla famiglia ed al territorio, ludico-ricreative e artistiche.

Ente: Associazione Photofficine
Progetto: Multimedia Social Center. Aperto alle diverse espressioni e declinazioni dell’educazione all’immagine contemporanea. Destinatari saranno gli adolescenti e gli adulti, ai quali sarà offerta la possibilità di vivere “da attori” un’esperienza di riappropriazione dei propri quartieri. L’associazione vuole costituire uno spazio dove poter sperimentare la propria creatività, mediante l’attivazione di un laboratorio video, di fotografia, multimediale e giornalistico, giornate sull’educazione all’immagine, mostre, convegni e seminari.

Ente: Coop. Sociale Med. Net.
Progetto: Host. Scambi culturali internazionali. Prevede l’utilizzo del bene confiscato alla mafia per la creazione di un centro di aggregazione giovanile per l’arte e la cultura con ostello della gioventù. Quanto sopra con la realizzazione di un luogo di aggregazione giovanile e di confronto per i giovani provenienti da altre parti d’Italia e d’Europa ed un laboratorio di cinematografia. L’ostello ospiterà giovani, ma anche famiglie ed altri ospiti che vengono annualmente nel nostro territorio.