Arriva il via libera del governo Musumeci a 12 milioni di euro per consentire ai Comuni siciliani di gestire le reti idriche e pianificare gli investimenti. La giunta regionale ha approvato la proposta dell’assessore all’Energia, Alberto Pierobon, di stanziare ulteriori risorse per le zone di Trapani, Messina e Catania, sia per la conduzione delle infrastrutture consegnate da Eas (nelle more che si costituisca l’Ati provinciale), sia per elaborare e aggiornare i cosiddetti Piani d’ambito, strumenti necessari per avviare il servizio e pianificare gli interventi.

Il governo regionale sta accelerando e sollecitando gli enti locali a rispettare la normativa e portare a compimento la riforma, altrimenti il rischio dal prossimo anno è di non poter accedere più ai fondi per gli investimenti. I Comuni, però, per problemi gestionali e soprattutto economici spesso hanno rifiutato di prendere in carico le reti di Eas che è in liquidazione. Oggi a fronte di 27 reti di distribuzione e 8 acquedotti, ancora si attende il trasferimento di 14 reti (11 a Trapani e 3 a Messina), e di 3 acquedotti esterni (due a Trapani e uno a Messina). I Comuni però hanno chiesto aiuto avendo difficoltà a gestire questa fase anche se temporanea.

Da qui l’aiuto della Regione Siciliana che ha aumentato da 3 a 10 milioni la dotazione del Fondo grazie al quale si consentirà l’avvio della fase di start up da parte degli enti locali e si favoriranno interventi importanti di manutenzione, oltre alla sostituzione dei contatori guasti, consentendo al sistema di entrare a regime. I Comuni potranno restituire le somme in dieci anni attraverso gli introiti delle bollette riscosse. Altri due milioni invece sono stati assicurati per la elaborazione e aggiornamento dei Piani d’ambito di tutte le 9 le Ati provinciali siciliane, strumento necessario per la programmazione di tutti gli investimenti nel settore idrico, fognario e depurativo. La decisione del governo segue, di qualche giorno, l’incontro organizzato a Palazzo Orleans dal presidente della Regione Nello Musumeci con il prefetto di Trapani e i vertici dell’Ato idrico della provincia.

“È fondamentale – dice l’assessore Pierobon – assicurare il rispetto della scadenza del primo gennaio 2021 prevista dall’accordo approvato dalla Commissione Ue, per assicurare il rispetto della normativa vigente nella gestione del servizio idrico e non perdere importanti finanziamenti. Stiamo intervenendo su più fronti e con tutti gli strumenti necessari, lavorando anche in sinergia con le prefetture, per consentire ai Comuni di superare le difficoltà riscontrate e garantire ai cittadini un servizio migliore ed efficiente.

Intanto arrivano fondi anche per  Villarosa nell’Ennese, dove studenti e lavoratori pendolari sono costretti a percorrere la strada provinciale 6 tra mille disagi e pericoli e ad affidarsi al buon senso e alla prudenza dal momento che la corsia disponibile è solo una e in pessime condizioni. Il tracciato infatti – unica via di fuga – a seguito delle frane che si sono succedute negli anni, presenta profonde fessurazioni della pavimentazione e cedimenti dei muri di sostegno.

Una situazione insostenibile che la Struttura contro il dissesto idrogeologico guidata dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci ha affrontato e sbloccato, eliminando le lungaggini burocratiche e ottimizzando le risorse.  Gli Uffici, diretti da Maurizio Croce, hanno infatti finanziato per un importo di gara di ottantamila euro la progettazione esecutiva utile a mettere in sicurezza l’area, con la realizzazione di un muro di contenimento al km 7+500 e con il ripristino del manto stradale.

E’ questo uno degli snodi più problematici, che collega Villarosa con la frazione di Villapriolo e con i Comuni di Nicosia e Calascibetta, con un tornante in condizioni a dir poco critiche: i movimenti franosi hanno provocato il crollo del muro di sottoscarpa per una lunghezza di oltre quaranta metri e della carreggiata, ma fenomeni di erosione accelerata del suolo riguardano tutto il versante e sono dovute a infiltrazioni di acqua nel sottosuolo. Le soluzioni tecniche prevedono la ricostruzione del muro franato con uno di sostegno in cemento armato su pali, unitamente alla sistemazione della sovrastruttura stradale.