C’è anche il via all’attività della commissione paritetica far toccare con mano l’esito positivo del rinnovo del contratto tra le richieste dei dipendenti regionali siciliani che nei giorni scorsi avevano annunciato forme di protesta per fare sentire la propria voce.

In seguito allo proclamazione dell’agitazione, si è tenuto ieri pomeriggio, presso l’Assessorato alle Autonomie Locali e alla Funzione pubblica, un vertice fra l’assessore Bernardette Grasso, il direttore Generale della Funzione Pubblica e ragioniere Generale Giovanni Bologna, e i rappresentanti delle sigle sindacali Cgil-fp, Cisl-fp, Cobas/codir, Dirsi, Sadirs, Siad, Uil-fpl e Ugl.  “Abbiamo ascoltato con grande attenzione le diverse istanze rappresentateci dagli organismi sindacali – ha dichiarato l’assessore Grasso – e manifestato l’impegno e la piena volontà del governo regionale a valutare le tempistiche per intervenire sui temi posti, per trovare soluzioni a vantaggio di tutti i lavoratori”.

Nelle scorse settimane i sindacati avevano rappresentato lo stato di malessere dei lavoratori regionali che vogliono richiamare la politica, il governo regionale e l’opinione pubblica alla giusta attenzione sulla valorizzazione e riorganizzazione del personale per la costruzione di una macchina amministrativa efficiente in cui competenze, professionalità e titoli di studio trovino finalmente diritto di cittadinanza.