Sit-in dei contrattisti  dell’Asp di Palermo. Domani dalle 13 alle 18 il personale precario si ritroverà di fronte al Salone delle feste di via Pindemonte 88 per manifestare il proprio dissenso contro l’azienda che intende estrometterli dal piano del fabbisogno. In sostanza, spiega la Fials-Confsal, “la Direzione aziendale ha convocato sindacati e Rsu per proporre una modifica della dotazione organica del piano triennale delle assunzioni.

Avendo preso visione delle modifiche, comunichiamo che l’amministrazione sta compiendo un passo indietro decidendo di estromettere dal piano del fabbisogno tutti i 647 coadiutori amministrativi e tempo indeterminato che erano stati invece inseriti nel piano esitato il 27 dicembre scorso”. In questo caso il percorso di stabilizzazione avviato subirebbe una drastica battuta di arresto nonostante questo personale sia dichiarato dai vari dirigenti indispensabile al buon andamento degli uffici.

La Fials-Confsal, guidata a Palermo da Enzo Munafò e dal segretario aggiunto Giuseppe Forte, spiega che nel frattempo, “seguito del tentativo obbligatorio di conciliazione, il sindacato sta cercando di far applicare la legge Madia a tutto il personale così come è avvenuto per il personale medico e infermieristico”.

(foto archivio)