“Chi si divide sulla lotta alla mafia sbaglia, chi usa una giornata di memoria e di futuro per fare la sua piccola battaglia politica sbaglia e fa un torto a Falcone”.

Come prevedibile ed ampiamente previsto il ministro dell’Interno Matteo Salvini ritorce contro i polemizzatori le loro polemiche nel giorno della memoria di Giovanni Falcone. Lo fa con un intervento facile facile e perfino scontato  a ‘Radio anch’io’ sulle polemiche delle celebrazioni in occasione della strage di Capaci qualche ora prima del suo sbarco a Palermo.

“Io faccio il ministro dell’Interno – ha aggiunto – e con tutto il rispetto per il signor Fava, noi la mafia la combattiamo assumendo poliziotti, confiscando beni e riconsegnandoli ai cittadini”.

Il richiamo al livello istituzionale del confronto in questa occasione era scontato. Adesso al Ministro mantenere un contegno istituzionale durante la sua presenza in aula bunker