La ztl notturna slitta di nuovo. Ora la data presunta è il 13 dicembre, giorno di Santa Lucia. La zona a traffico limitato in versione notturna comunque partirà, ne è convinta la giunta Orlando, alle prese con polemiche che oggi sarà messa alla prova dal consiglio comunale. L’assemblea voterà la mozione di sfiducia proposta dal Movimento 5 Stelle.

Intanto la prima notizia è che la ztl notturna non partirà il 6 dicembre. Come riporta il Giornale di Sicilia l’amministrazione ha fatto retromarcia rispetto a quanto annunciato. La data, presunta,  è il 13 dicembre, giorno di Santa Lucia, il venerdì precedente al primo fine settimana di Natale.

Il rinvio è giunto in seguito ad un’assemblea pubblica convocata dalla prima circoscrizione per cercare di placare gli animi dei gestori di ristoranti e pizzeria sul piede di guerra. La riunione è saltata per un impegno del sindaco Orlando. Da qui la decisione di rinviare lo start alla ztl di notte fino a che non si terrà l’incontro, o per meglio dire lo scontro,  amministrazione-ristoratori, in programma adesso il 9 dicembre. Sul rinvio peserebbe anche il fatto che ancora il provvedimento che istituisce ufficialmente la chiusura notturna al traffico non c’è.

Appare difficile un ripensamento di Orlando che sembra tirare dritto come un treno sulla decisione. A chiedere la ztl notturna sono stati in primis i residenti del centro storico, che devono fare i conti con la movida selvaggia e una situazione divenuta ormai allo stremo. La richiesta è stata formalmente inoltrata all’amministrazione dal Prefetto Antonella De Miro. I residenti sono esasperati dal caos oltre che dai locali che mettono musica amplificata oltre gli orari previsti dall’ordinanza. Dopo l’aggressione al giornalista tedesco spedito in rianimazione, la De Miro ha chiesto al Comune di attivarsi subito per ridurre il traffico. Ed è per questo che il Comune tenterà di far partire la Ztl prima delle feste. Ma il clima attorno alla misura è rovente.