L’Assessorato all’istruzione nell’ambito del protocollo d’intesa con il Distretto 2110 – Sicilia/Malta del Rotary International, promuove, presso gli istituti scolastici di ogni ordine e grado, attività di divulgazione, informazione e formazione in materia di tutela della salute e qualità degli stili di vita.

E’ stata quindi diramata alle scuole una circolare per invitare all’adesione delle iniziative offerte gratuitamente dal Rotary Club, in modo che ciascun istituto scolastico, nell’ambito della autonoma programmazione delle attività extra-curriculari, possa valutarne l’inserimento nel quadro delle attività promosse nel corso dell’anno scolastico 2019-2020 o inquadrarle nella pianificazione delle attività di alternanza scuola-lavoro.

“Abbiamo ritenuto importante avviare iniziative in grado di sensibilizzare i giovani studenti su tematiche relative agli stili di vita, tutela ambientale e prevenzione – dichiara l’assessore Roberto Lagalla – confido in un’ampia partecipazione da parte degli istituti siciliani, perché non si parla mai abbastanza di prevenzione e di qualità della vita, quindi sensibilizzare e fare informazione su problematiche come il fumo, il diabete, la violenza sulle donne o ancora il rispetto dell’ambiente, può certamente avere un’incidenza positiva sul processo formativo delle giovani generazioni”.

Crediamo nell’importanza dei giovani e della scuola per lo sviluppo della nostra Sicilia – dichiara Valerio Cimino, governatore del distretto 2110 del Rotary International – vogliamo sostenere gli istituti scolastici siciliani mettendo a disposizione le professionalità di tutti i soci. Doneremo defibrillatori alle scuole e ne insegneremo l’uso agli studenti e al personale scolastico; parleremo di malattie sessualmente trasmissibili, lotta al fumo e alle droghe, tutela dell’ambiente, stalking ed altro ancora. Grazie alla sensibilità dell’assessore Lagalla, oggi la collaborazione tra il Rotary e il mondo della scuola riceve un riconoscimento grazie alla firma di un protocollo d’intesa”.

In queste ore è stata quindi inviata una circolare a tutte le scuole per invitare alla partecipazione dei seguenti progetti: “Basic Life Support and Defibrillation/Corso di primo soccorso e di addestramento all’uso del defibrillatore”, riservato agli operatori delle scuole di ogni ordine e grado ed agli alunni maggiorenni delle scuole secondarie di secondo grado; progetto “Diffusione della dieta mediterranea e prevenzione della malattia diabetica”, riservato agli alunni delle IV e V classi della scuola primaria ed agli alunni delle scuole secondarie di primo e secondo grado; percorso educativo sulle “Malattie sessualmente trasmesse”, riservato agli alunni delle scuole secondarie di secondo grado; “Smettere di fumare”, riservato agli alunni delle scuole secondarie di secondo grado; “Un mare senza plastica”, riservato agli alunni delle IV e V classi della scuola primaria ed agli alunni delle scuole secondarie di primo e secondo grado; “L’acqua quale bene primario”, riservato agli alunni delle IV e V classi della scuola primaria ed agli alunni delle scuole secondarie di primo e secondo grado; “A scuola di riciclo”, riservato agli alunni della scuola prima e secondaria di primo grado della provincia di Palermo; iniziative di “Salvaguardia del patrimonio culturale”, riservate agli alunni delle scuole secondarie di primo e secondo grado; “Stalking e violenza sulle donne”, riservato agli alunni delle scuole secondarie di secondo grado.

Inoltre, sempre il Rotary Club, bandisce i seguenti concorsi: “Public speaking-test”, riservato agli alunni delle scuole secondarie di primo e secondo grado; “Good News Agency”, riservato agli alunni degli ultimi due anni delle scuole secondarie di secondo grado; “Legalità e cultura dell’etica”, riservato agli alunni delle scuole secondarie di primo e secondo grado, agli studenti universitari ed ai neolaureati; “Premio Etic – Etica e tecnologie dell’informazione e della comunicazione”, riservato ai laureati con laurea magistrale o con dottorato di ricerca; “Premio Galilei Giovani”, riservato ai giovani ricercatori operanti nelle Università siciliane.