Conoscere il fascino di una spedizione in Antartide, ma soprattutto comprendere i rischi che corre il nostro pianeta a causa della presenza delle plastiche nei mari. Il tutto dalla viva voce di una ricercatrice italiana andata fino al Polo Sud.

Gli studenti dell’ISP del Gonzaga (International School Palermo), lunedì 6 maggio, alle 10, nell’Auditorium dell’istituto, in via Piersanti Mattarella 38/42, incontreranno Cecilia Silvestri, ricercatrice dell’Ispra (Institute for Environmental Protection and Research), che insieme con la collega Flavia Saccomandi ha partecipato a una spedizione in Antartide, nei mesi scorsi, a bordo della nave Discovery.

Nelle acque dell’Oceano meridionale, su invito dei partner inglesi del British Antartic Survey (BAS), le due italiane sono andate alla ricerca di informazioni sul ciclo del carbonio e le microplastiche in ambienti lontani dalle pressioni dell’uomo, effettuando una serie di analisi sulle acque superficiali e profonde e applicando una tecnica analitica estremamente all’avanguardia (analisi degli isotopi stabili del carbonio e dell’azoto) di cui Ispra è centro di eccellenza.

«Il nostro obiettivo – sottolinea Vicky Tarolla, PYP Coordinator dell’ISP Gonzaga Palermo – è quello di avvicinare i nostri ragazzi, dai più piccoli ai più grandi, al tema del rispetto dell’ambiente e del pianeta, con un approccio scientifico. Questo incontro rientra nel lavoro di sensibilizzazione che stiamo compiendo nel nostro istituto per ridurre l’uso della plastica».