Concorso nei reati già contestati al comandante della nave “Mare Jonio”.

Il capo missione della Ong Mediterraneo Luca Casarini è stato iscritto nel registro degli indagati.

A farlo sono stati il procuratore aggiunto di Agrigento, Salvatore Vella, e il pubblico ministero Cecilia Baravelli che lo hanno interrogato per buona parte della mattinata e fino a poco fa.

Il riferimento è alla vicenda legati alla nave della Ong Mediterranea che nei giorni scorsi ha tratto in salvo in acque libiche 49 migranti.

La nave si è poi diretta al porto di Lampedusa dove i migranti sono sbarcati.

I magistrati della Procura di Agrigento, che è coordinata dal procuratore Luigi Patronaggio, sono da giorni ormai a Lampedusa (Ag) per coordinare personalmente le indagini sul caso della nave della Ong Mediterranea, avvicinatasi alla costa di Lampedusa nonostante un iniziale divieto della Guardia di finanza. Casarini è, dunque, indagato per concorso in favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e mancato rispetto dell’ordine di arrestare l’imbarcazione da parte di una nave da guerra.

Leggi anche: Migranti, interrogato comandante Mare Jonio indagato dalla Procura di Agrigento

Entra in porto a Lampedusa la nave Jonio, scatta il sequestro: via libera allo sbarco dei migranti