È iniziato il 6 maggio il piano straordinario di pulizia messo a segno dal comune di Palermo. Una task force per ridare decoro non solo al centro storico del capoluogo ma anche alle periferie che sono vittima dell’abbandono selvaggio di rifiuti. Le municipalizzate Rap, la Reset e il comando della Polizia Municipale, con alcuni testimonial d’eccezione, hanno siglato un patto per la pulizia straordinaria di Palermo. L’obiettivo è quello di chiedere ai palermitani di “fare un patto” per mantenere pulite le strade del capoluogo siciliano. Tra i testimonial che hanno aderito all’iniziativa Pif, i Soldi Spicci e i Sansoni.

Sul campo saranno impegnati 200 operai in più a partire dai quartieri periferici al di sopra di viale Regione Siciliana come Boccadifalco, Altarello o Mezzomoreale. Il sindaco Orlando ha invitato “a sensibilizzare i cittadini, anche attraverso i social network e ha assicurato che la polizia municipale provvederà ad un maggiore controllo del territorio” per impedire che alcune zone della città vengano trasformare in discariche. La Polizia municipale sarà impegnata a sanzionare chi sporca la città e vanifica il lavoro svolto dagli operai. La Reset si occuperà di diserbo e della sistemazione delle aree verdi. Saranno potenziati in città anche i centri di raccolta.

Il 6 maggio sono iniziate da parte di Rap e Reset le attività di spazzamento manuale, ritiro ingombranti, manutenzione del verde e diserbo nel quartiere Mezzomonreale – Villatasca. Tanti i cittadini che si sono soffermati in corso Calatafimi, altezza chiesa di S.Oliva dove la Rap ha allestito un info point per dare informazione sulle attività in essere e sui diversi servizi programmati nei prossimi giorni. Oggi, mercoledì 8 maggio, dalle ore 6 alle ore 12, le attività hanno interessato via Dell’ Acacia, via Umberto Maddalena, via Lenin Mancuso, via Giuseppe Mulè, via Cesare Terranova. La pulizia continuerà fino a luglio.

In questi giorni la Polizia Municipale ha eseguito diversi controlli nell’ambito della iniziativa “Facciamo un patto” che prevede un piano di pulizia straordinaria nei quartieri cittadini ed una intensificazione della repressione e sanzione dei comportamenti scorretti. Il personale del nucleo tutela, decoro vivibilità ed igiene urbana ha avviato attività di monitoraggio a tutela delle attività di pulizia svolte dalle aziende; il bilancio finale è stato di 20 sanzioni da 166 euro ciascuna, per conferimento dei rifiuti fuori orario da parte di altrettanti cittadini.

Il piano di pulizia straordinaria sarà costantemente supportato dalla presenza della polizia municipale che con auto civette e personale in abiti civili interverrà al fine di non vanificare il prezioso lavoro svolto dalla maestranze di Rap e Reset.

Per la pulizia straordinaria, avviata dall’amministrazione palermitana, arriva il plauso di Confesercenti che si schiera con il Comune per il decoro della città.  “L’operazione di pulizia straordinaria annunciata dal sindaco Leoluca Orlando è partita soltanto da pochi giorni e siamo ben lieti di vedere in azione Rap e Reset in quartieri fino ad oggi messi in secondo piano. Sosteniamo con forza il progetto del Comune sul fronte della pulizia e del decoro urbano, per questo l’opera di sensibilizzazione da parte di Confesercenti sarà ancora più forte. Ci rivolgiamo a tutti i nostri associati, ma naturalmente anche a tutti i cittadini, per una collaborazione costante che restituisca alla nostra città lo splendore totale che merita”. A dichiararlo è Francesca Costa, presidente di Confesercenti Palermo.