“Come fa il governo Musumeci a stanziare nuove somme per la costruzione di impianti, quando non esiste né la riforma dei rifiuti, né il piano regionale? Quali saranno i criteri di scelta? Come verranno usate le somme se non sappiamo nemmeno quale deve essere la dimensione dei nuovi ambiti territoriali? È raro assistere ad una politica così raffazzonata, priva di visione, figuriamoci di strategia economica”.

A chiederselo sono i deputati del Movimento 5Stelle componenti della Commissione Ambiente all’Ars Giampiero Trizzino, Nuccio Di Paola, Valentina Palmeri e Stefania Campo a proposito dell’annuncio del governo regionale di voler stanziare 103 milioni di euro per nuovi impianti di trattamento dei rifiuti.

“Quanto annunciato dal governo Musumeci – spiegano i deputati – ha veramente del ridicolo. L’assessore Pierobon parla di un traguardo del 65% della raccolta differenziata al 2021: lo venisse a raccontare ai palermitani, letteralmente sommersi dai rifiuti perché la discarica di Bellolampo è chiusa per i ritardi della costruzione della VII vasca. Oppure ai cittadini della provincia di Caltanissetta, che conferiscono i rifiuti in una discarica che è priva di un impianto stabile di trattamento meccanico biologico. Ma il fatto più grave è che si dichiara di stanziare nuove somme per la costruzione di impianti, quando non esiste né la riforma dei rifiuti, né il piano regionale. È come se un architetto, chiamato a costruire un immobile, anziché cominciare dalle fondamenta inizia dal tetto” – concludono i deputati M5S.