La condizione dell’assistenza infermieristica in Sicilia è insostenibile”. Lo afferma il sindacato NurSind convocato ieri dall’Opi regionale, l’ordine degli infermieri, per discutere dei problemi del settore.

L’incontro voluto dal coordinatore regionale dell’Opi, Zappulla, si è svolto ieri nella sede dell’Ordine e si è incentrato sul tema scottante della carenza di infermieri in Sicilia.

Agata Cocco e Vincenzo Augello del NurSind di Palermo, presenti in qualità di delegati regionali, spiegano che “abbiamo condiviso in questa sede le nostre riflessioni sulla criticità della situazione assistenziale in Sicilia che non trova via d’uscita. Abbiamo avanzato in commissione Sanità le nostre richieste di risoluzione immediata del problema della grave carenza di infermieri e le abbiamo condivise con le altre sigle sindacali convocate”.

L’incontro tra sindacati e Opi è finalizzato a una immediata risoluzione del problema ed è la prima tappa di un percorso “che non può prevedere ancora lungaggini nell’iter delle assunzioni e nelle procedure concorsuali – aggiungono Cocco e Augello – i cittadini hanno diritto ad una assistenza dignitosa e gli infermieri non riescono più a garantirla esponendosi quotidianamente a rischi ed aggressioni”.

Le sigle presenti e l’Ordine presto annunceranno nuove azioni.