Arriva la sentenza sul duplice omicidio di Alessio e Simone, i due bambini di Vittoria travolti e uccisi dal suv guidato da Rosario Greco, 37 anni.

Il Gup di Ragusa, Ivano Infarinato, ha condannato a nove anni di carcere Rosario Greco, l’uomo che l’11 luglio dell’anno scorso, alla guida del suo Suv, travolse e uccise i due cuginetti Alessio e Simone D’Alessio, mentre giocavano davanti all’uscio di casa. Il pm Fabio D’Anna aveva chiesto 10 anni. A Greco è stata pure confiscata l’auto. Il risarcimento per il comune di Vittoria che si era costituito parte civile invece avverrà in separata sede con un nuovo giudizio civile.

La decisione del Gup è giunta dopo oltre 3 ore di camera di consiglio al tribunale di Ragusa. Il dispositivo della sentenza nei confronti di Rosario Greco è stata letta alle 12.20. Il giudice per l’udienza preliminare Ivano Infarinato era uscito dall’aula alle 9.26 per ritirarsi in camera di consiglio dopo una brevissima udienza, nel corso della quale il pm Fabio d’Anna ha rinunciato alle repliche.

La pubblica accusa aveva chiesto 10 anni per il 37enne finito in carcere con l’accusa di duplice omicidio stradale, aggravato dall’alterazione psicofisica dovuta all’utilizzo di sostanze alcoliche e stupefacenti. Ieri il leader della Lega Matteo Salvini aveva chiesto una pena esemplare per il presunto omicida dei due cugini di Vittoria  travolti da un Suv nell’estate del 2019.

Rosario Greco, 37 anni, l’autista del Suv che ieri sera ha travolto i due cuginetti di Vittoria, di cui uno morto sul colpo e l’altro ricoverato in gravissime condizione nell’ospedale di Messina, è il figlio di Elio Greco, il ‘re’ degli imballaggi di Vittoria. Elio Greco è stato peraltro arrestato, nel dicembre 2017, nell’inchiesta ‘Ghost Trash’ sul presunto controllo della mafia nel settore degli imballaggi ortofrutticoli e a Pasqua di quest’anno è stato arrestato per tentato omicidio ai danni di Raffaele Giudice, che ha ferito con un colpo di pistola ad una gamba per contrasti di natura economica. Rosario, invece, ha precedenti penali per porto abusivo di armi e traffico di sostanze stupefacenti. E’ stato arrestato nel 2015 a seguito di diverse perquisizioni della Polizia che gli hanno ritrovato a casa armi.