La Procura di Ragusa ha disposto la citazione diretta a giudizio per il giornalista Paolo Borrometi per diffamazione nei confronti di componenti della commissione Antimafia della Regione siciliana e dell’allora suo presidente Claudio Fava. Lo scrive l’Ansa che indica anche la prima udienza: l’8 maggio del 2023 davanti al giudice monocratico.

La vicenda

Al centro del procedimento un post, del 2020, su Facebook in cui Borrometi replicava “all’accusa di non avere pubblicato”, sul sito Laspia.it, “l’appello pro Scicli contro lo scioglimento” del Comune del Ragusano, definendo tutto “falso, falsissimo”. Il giornalista invitava a cercarlo su Google e, scriveva ancora, “vedrete che vi apparirà la pubblicazione del 15 marzo 2015, da me – ribadisco – pubblicato. lo quel documento l’ho pubblicato”.

Lo scontro tra Fava e Borrometi

“Ed Invece nella relazione” dell’Antimafia Siciliana, aveva aggiunto il giornalista sul social network, “si dice ‘Borrometi non lo ha pubblicato'”. E si era chiesto: “perché nella relazione della Commissione presieduta da Fava si dice questa cosa palesemente non vera?”. Per la Procura di Ragusa “la pubblicazione dell’articolo, invero, risultava intervenuta sul sito on line La Spia tra le 17.59 del 26 febbraio 2020, ovvero al termine dell’audizione di Borrometi davanti la commissione parlamentare, e le 19.47 del 27 febbraio 2020, e non il 15 marzo del 2015”. Nel processo sono ritenute persone offese il presidente della commissione, Claudio Fava, e i componenti dell’Antimafia Siciliana, Rosanna Cannata, Nicola D’Agostino, Gaetano Galvagno, Annunziata Luisa Lanteri, Margherita La Rocca e Giuseppe Zitelli.

Il commento di Fava

“Il decreto di citazione a giudizio per “Paolo Borrometi per diffamazione nei confronti della Commissione antimafia dell’Assemblea Regionale Siciliana è un primo, dovuto passo per restituire onorabilità alla nostra Commissione, al lavoro svolto e allo scrupolo con cui abbiamo sempre operato”. Lo afferma Claudio Fava, già presidente della stessa Commissione, sul provvedimento della Procura di Ragusa.

La replica del legale di Borrometi

“Non esistevano i presupposti per la celebrazione di un dibattimento a carico di Paolo Borrometi per quella scombiccherata ipotesi di reato” e “sottoporrò i fatti al Csm” perché si valuti se l’emissione del decreto di citazione a giudizio, davanti alle risultanze del fascicolo, possa rientrare nel campo delle valutazioni discrezionali che un Pm compie al termine delle indagini preliminari o se invece ci siano elementi per ritenere inadeguata l’azione del dr. D’Anna come capo di un ufficio requirente e della dr.ssa Monego come pubblico ministero”. Lo scrive, in una nota, l’avvocato Fabio Repici, legale del giornalista Paolo Borrometi.

“L’avvocato Alessandro Vitale e io – aggiunge il penalista – affronteremo serenamente il processo, laddove il Tribunale di Ragusa prenderà atto non dell’assenza di prove a carico di Borrometi, ma della sussistenza di prove che dimostrano l’assoluta falsità dei fatti contestati. Magari sarà l’occasione per identificare i responsabili della criminosa attività di hackeraggio ai suoi danni”. “Dopo le querele e durante le indagini preliminari – sottolinea l’avvocato Repici – avevamo dimostrato documentalmente alla Procura che in periodo di poco precedente all’audizione di Paolo Borrometi davanti alla Commissione la testata online da lui diretta era stata bersaglio di una gravissima operazione di hackeraggio. Questa non è la tesi dei difensori di Paolo Borrometi, ma la conclusione raggiunta dalla Procura di Roma. La pubblicazione contestata a Borrometi dalla Commissione antimafia regionale come mai pubblicata era, invece, stata effettivamente pubblicata il 15 marzo 2015 e quell’articolo dopo l’intrusione degli hacker era stato rimosso dagli articoli visibili e relegato nel cestino del sito (“trash”), dove è stato recuperato dall’unico consulente tecnico che da aprile 2020 ha ufficialmente potuto accedere e ispezionare dall’interno il sistema informatico utilizzato da Borrometi. E’ stata raccolta la deposizione – scrive ancora il legale – di un testimone che aveva effettivamente letto nel 2015 sul sito di Borrometi l’articolo che nel 2020 secondo la Commissione antimafia regionale non era mai stato pubblicato”. Il penalista ricorda che “dal 15 marzo 2015 a febbraio 2020 nessuno si era accorto né si era mai lamentato di quella presunta mancata pubblicazione”, perché “era comparsa il 15 marzo 2015”.