Si premia il merito degli studenti, ma al tempo stesso si dà un riconoscimento al valore  delle famiglie che li formano. La suggestiva location Villa Criscione di Ragusa ha accolto l’atteso appuntamento che premia il merito e l’impegno scolastico dalla primaria fino alla laurea.

Una grande famiglia che si ritrova per incoraggiare i talenti ad andare avanti, completando il proprio percorso formativo. E se in un mondo di uguali le eccellenze spaventano, in ogni caso creano valore aggiunto per il territorio.

E così la cerimonia di consegna delle borse di studio se da un lato è un grande ed affettuoso abbraccio ai ragazzi che studiano con profitto per migliorare il proprio futuro, dall’altro lato è l’occasione per far loro avere contatto con l’azienda in cui operano i propri familiari.

“L’augurio per i premiati di questa edizione – afferma Concetta Lo Magno, responsabile area marketing di Ergon – è di essere sempre consapevoli delle proprie capacità e del proprio talento e di utilizzarlo, se possibile, anche a beneficio del proprio territorio. La consegna delle borse di studio rappresenta inoltre la volontà di Ergon ed delle sue consorziate di premiare il valore degli uomini e delle donne che in essa collaborano, dando un tangibile riconoscimento alle loro famiglie. Basti pensare che in dodici edizioni sono state assegnate borse di studio a ben 302 famiglie”.

Per il 2019 sono state assegnate tutte le 35 borse in palio, partendo da 500 euro per la scuola primaria sino a 5.000 euro per chi ha conseguito la laurea con risultati eccellenti.

Un’altra iniziativa a cui le aziende Ergon sono molto legate e che costituisce un ulteriore elemento di differenziazione dell’azienda da che gestisce in Sicilia i marchi Despar, Interspar, Eurospar, Ard e AltaSfera.

Questi i nomi dei vincitori: per la scuola primaria, Simon Cafiso, Aurora Agati, Giuseppe Dipasquale, Anna Vitale, Marco Rizza, Roberta Mirabella, Elena Alderisi, Rosaria Bondi’, Maria Chiara Favella, Martina Saraceno, Christine Taranto, Martina Vindigni, Roberta Di Raimondo, Sebastiano Distefano.

Per la scuola secondaria di primo grado: Antonio Vitale, Giuseppe Cappello, Carla Nicosia, Flavia Lauretta, Matteo Battaglia, Sebastiana Rita Di Natale, Ivan Quagliata, Damaris Orsini, Adriana Leggio, Maria Grazia Vindigni, Rosario Nicosia e Andrea Schembari.

Per la scuola secondaria di secondo grado: Maria Elena Diquattro, Gabriele Maria Sacco, Sara Ragusa, Simone Provvidenza, Maria Grazia Minardo, Gioele Orsini, Noemi Orsini e Francesco Schembari. Infine la borsa di studio da 5000 euro per la formazione universitaria è andata a Maria Rossella Gallo.