Nonostante la pioggia, che si è abbattuta a Siracusa per parecchie ore a cominciare dal mattino, e le misure anti coronavirus, in tanti (come testimoniato dalla foto) hanno deciso di salire a bordo delle proprie macchine per uscire di casa.

Addirittura, qualche coda, seppur piccola, si è formata in mattinata in viale Tica, nella zona nord di Siracusa, ma è probabile che in tanti hanno pensato di recarsi al supermercato per fare la spesa. Frattanto, la Polizia municipale ha reso noti i dati relativi ai controlli.

Dal 10 marzo ad oggi sono 5994 le persone controllate, 105 i denunciati per violazione del decreto “io resto a casa”, 688 le attività commerciali controllate e tre i proprietari  denunciati.

“Non bisogna abbassare la guardia e continuare ad effettuare controlli con la speranza che sempre più persone rispettino le restrizioni imposte a tutela della salute pubblica”. Lo dichiara l’assessore alla Polizia municipale, Andrea Buccheri con riferimento anche a quanto accaduto nelle scorse ore quando, durante un posto di controllo, un utente è stato colto in flagranza mentre tentava di abbandonare tre sacchi neri colmi di rifiuti non differenziati proprio nel luogo dove una volta stazionavano i cassonetti verdi stradali.

“Nonostante sia stato attivato – ha detto l’assessore alla Polizia municipale –  anche il servizio di consegna a domicilio dei mastelli per la raccolta differenziata c’è ancora chi prova gusto a sporcare la città e a non rispettare le regole. In tempo di restrizioni, di controlli, di autocertificazioni, di spostamenti limitati, di maltempo c’è ancora chi pensa di buttare i rifiuti indiscriminatamente. La Municipale sta svolgendo una continua azione a tutela della cittadinanza. Il mio ringraziamento è continuo e doveroso per il compito gravoso che ogni giorno gli agenti portano a termine. L’intervento odierno, effettuato da una pattuglia impegnata nei posti di blocco per il controllo degli accessi alla città- conclude Buccheri- è dimostrazione di un lavoro costante anche sotto il profilo della tutela ambientale”.