Non si fermano le ricerche per Salvatore Miceli, il disoccupato di 58 anni, residente a Francofonte, a nord della provincia di Siracusa, scomparso dal sette gennaio. I carabinieri della stazione e della Compagnia di Noto, nel corso degli accertamenti, sono entrati in possesso di una lettera, a quanto pare scritta dallo stesso cinquantottenne. Forse una lettera di addio ma gli inquirenti preferiscono non aggiungere nulla su questo aspetto.

Bocche cucite, dunque, sul contenuto ma poco dopo la denuncia presentata dal figlio erano emersi alcuni aspetti, tra cui le difficoltà dell’uomo nel trovare un lavoro. Era rimasto senza occupazione ma avrebbe voluto un impiego per tirare avanti solo che sarebbe stato difficile strappare un contratto a qualcuno. Forse, risiederebbe qui la decisione del disoccupato di sparire, lasciandosi tutto dietro, per cui il timore che possa essergli accaduto qualcosa di grave è abbastanza concreto.

Le ricerche, però, non si fermano, ed i carabinieri stanno battendo una vasta porzione di area, attorno alla zona nord del Siracusano, sperando di individuare lo scomparso.  Non mancano gli appelli per aiutare i militari a scovare Salvatore Miceli.

“Le ricerche sono state avviate e l’appello è rivolto ai francofontesi, qualora abbiano informazioni o notizie su avvistamenti di qualsiasi tipo. Rivolgetevi ai carabinieri di Francofonte”  spiegano dal Comune di Francofonte.