Drammatico incidente sul lavoro in via Damone, nella zona nord di Siracusa. A perdere la vita è stato Fabio Vaccarella, 52 anni,  siracusano, che, secondo una prima ricostruzione degli agenti delle Volanti, nel primo pomeriggio, poco prima delle 15, si sarebbe ferito con un flex mentre stava lavorando per saldare una parte in metallo dell’attività commerciale del fratello.

Morto in ospedale

A quanto pare, per cause che sono al vaglio della polizia, al comando della dirigente Giulia Guarino, sarebbe saltato il disco del flex finito sul corpo della vittima. Un’ambulanza ha provveduto al trasporto dell’uomo al Pronto soccorso dell’ospedale Umberto I ma il 52nne non ce l’ha fatta, è deceduto rendendo inutili i tentativi dei soccorritori di tenerlo aggrappato alla vita.

Aperta un’inchiesta

La Procura di Siracusa ha aperto un’inchiesta e sono in corso gli accertamenti delle forze dell’ordine sul posto in cui la vittima ha trovato la morte. Occorrerà verificare se stesse operando in condizioni di sicurezza, probabilmente il flex era difettoso ma sono interrogativi che gli inquirenti proveranno a risolvere nel giro delle prossime ore.

Secondo incidente sul lavoro

Con quello di via Damone, salgono a due gli incidenti mortali sul lavoro avvenuti nel Siracusano. Ad Avola, nei giorni scorsi, è deceduto Sebastiano Presti, 45 anni, sposato con 2 figli, caduto da un ballatoio di una palazzina in via Caldarella in fase di ristrutturazione. Sono stati i pompieri ad estrarre il corpo dell’operaio ma per lui non c’era più nulla da fare.

Le indagini

Le indagini sono in mano agli agenti del commissariato di polizia di Avola e della Squadra mobile di Siracusa mentre il cantiere, come disposto dalla Procura di Siracusa, è stato posto sotto sequestro al fine di compiere gli accertamenti ed accertare eventualità responsabilità.