Prosegue a ritmo serrato la visita dell’Assessore per l’Agricoltura, Edy Bandiera, nei territori del Sud Est della Sicilia, flagellati dal maltempo di queste ore, al fine di manifestare la piena vicinanza del Governo regionale ad agricoltori e pescatori e di quantificare l’entità dei danni che riguardano entrambi gli ambiti, dal momento che sono stati registrati seri danneggiamenti anche alle imbarcazioni, nella fattispecie nella zona di Capo Passero, in provincia di Siracusa. In campo fin da subito anche gli ispettorati provinciali dell’agricoltura, per la perimetrazione delle aree colpite ed una prima stima dei danni in termini di percentuale lorda vendibile, attività questa propedeutica al riconoscimento, da parte del Ministero delle Politiche Agricole, dello stato di calamità. Dai primi sopralluoghi effettuati nei territori di Siracusa, Pachino, Portopalo e Ispica, i danni risulterebbero orientativamente pari al 30% delle strutture protette, andate totalmente distrutte, cui si somma un 20% di strutture protette che invece sono state altamente danneggiate.

Ingenti danni anche alle produzioni in pieno campo, con particolare riferimento a carciofi, ortaggi e patata novella, specialità precoce, che indubbiamente subirà ritardi nella produzione e quindi grave deprezzamento.

“La materia risarcitoria è in capo al Governo nazionale. Stiamo avviando, fin da subito, una interlocuzione col Ministero delle Politiche Agricole, al quale chiederemo, contestualmente e nel più breve tempo possibile, il riconoscimento dello stato di calamità e la deroga al decreto legislativo 102 del 2004 per consentire di attivare interventi risarcitori, a valere sul Fondo di solidarietà nazionale, che va certamente impinguato, anche per tutti quei danni che, in casi ordinari di maltempo, non vengono risarciti in quanto non assicurabili – afferma l’Assessore Bandiera – Nonostante il quadro normativo risarcitorio sia di stampo prettamente nazionale e le note difficoltà finanziarie ereditate, come Governo regionale, ci siamo prontamente attivati per l’istituzione del Fondo regionale di solidarietà, con una dotazione pari a 5 milioni di euro, ma è chiaro che le risorse necessarie alla Sicilia sono di gran lunga superiori e per questo motivo chiediamo che il Governo nazionale faccia, in pieno, la parte di propria ampia competenza”.

“La politica – sottolinea Elena Pagana del M5S – ha il compito di agire immediatamente per dare risposte ai cittadini. Se non lo fa, ha fallito. Il Movimento 5 Stelle, a tutti i livelli sta dimostrando fermezza e vicinanza concreta, ma in Sicilia il potere esecutivo è demandato a Musumeci. Il nostro appello è quindi rivolto alla Regione. Musumeci faccia immediatamente la sua parte”.

“E’ fondamentale – aggiunge l’eurodeputato Corrao – che ci sia un alto livello di reattività delle istituzioni. Come siamo stati attenti a sottoporre a vari livelli istituzionali, le crisi e le difficoltà dei comparti agricoli e delle relative filiere. C’è bisogno di stare molto vicini ai settori produttivi della nostra terra perchè già soffrono di regole molto penalizzanti, come i trattati internazionali dovuti alla globalizzazione in generale ma se ci si mettono anche le condizioni atmosferiche, diventa praticamente impossibile stare sul mercato” – conclude l’eurodeputato.