• Estorsione a rivenditore di auto di Siracusa
  • Le pressioni del clan Nardo
  • Costretto a cedere un’auto gratis

Sarà il gup del tribunale di Catania a decidere se accogliere la richiesta di rinvio a giudizio della Procura distrettuale antimafia di Catania nei confronti di tre uomini per  concorso in estorsione aggravata dal metodo mafioso ad un commerciante siracusano, Marco Montoneri, testimone di giustizia che vive in una località segreta.

Gli indagati

L’udienza preliminare è fissata per il 9 febbraio, come riportato dall’AGI, ed in quell’occasione si saprà se Adelfio De Luca, 47 anni, Salvatore Salamone, 51 anni, entrambi di Lentini  ritenuti dai magistrati della Procura distrettuale antimafia di Catania esponenti del clan Nardo di Lentini, la consorteria criminale capace di controllare ogni attività illecita nella zona nord del Siracusano, dal traffico di droga alle estorsioni,  e Agostino Affatigato, 61 anni, palermitano, subiranno un processo.

I fatti

Secondo i pm della Dda di Catania, la vittima, nel 2012, ricevette nella sua concessionaria di auto e moto, a Siracusa, la visita dei due lentinesi che, facendo valere il peso della loro appartenenza alla cosca del boss Nello Nardo, lo avrebbero costretto a cedere al sessantunenne palermitano una macchina, una Bmw X5 del valore di 16 mila euro. Per gli inquirenti, il rivenditore di auto dovette “rinunciare a riscuotere il prezzo, procurando ad Affatigato un ingiusto profitto con corrispondente danno patrimoniale di Montoneri”.

L’altra vicenda

Montoneri ha subito altre estorsioni, infatti nel 2013 fu sotto il tacco degli esponenti del clan Bottaro-Attanasio di Siracusa,  sette dei quali sono stati condannati in via definitiva nel 2018 dopo che i giudici della Corte di Cassazione hanno confermato le sentenze emesse della Corte di Appello di Catania. Gli affiliati della cosca prendevano auto e moto dalla concessionaria senza versare un centesimo al commerciante, vittima anche di un attentato incendiario. Il titolare della rivendita di mezzi In Moto in viale Necropoli Grotticelle, nella zona nord di Siracusa, stanco di subire quelle angherie fece nomi e cognomi delle persone che gli avevano reso la vita impossibile.

Le condanne

10 anni e 9 mila euro di multa per Pasqualino Mazzarella; 7 anni e 2 mesi e 8600 euro di multa  per Andrea Fortuna; 5 anni e 5000 euro ciascuno per Michele Cianchino e Salvatore Brancato; 2 anni e quattro mesi e seimila euro di multa per Alessandro Garofalo; 3 anni e 4 mesi per Concetto Garofalo e Sebastiano Garofalo.