“Vogliamo rassicurare i cittadini della provincia di Trapani, siamo costantemente al lavoro per aiutare a risolvere il problema che si è venuto a creare sul territorio”. Lo afferma l’assessore regionale all’Energia e servizi di pubblica utilità, Alberto Pierobon.

“I disagi sono iniziati con il sequestro e la successiva chiusura dell’impianto Sicilfert di Marsala – spiega l’assessore – che era in grado di lavorare 55 mila tonnellate all’anno di umido, superiore al fabbisogno annuo dei comuni compresi nell’intera provincia. La situazione si è aggravata perché l’impianto di Belpasso ha comunicato di aver subito un guasto improvviso. Già da un mese – prosegue Pierobon – siamo in diretto contatto con l’amministrazione giudiziaria di Sicilfert per trovare una soluzione che possa consentire di riaprire l’impianto, compatibilmente con le esigenze e le procedure della giustizia penale. Siamo stati informati che proprio ieri è stato avviato l’incidente probatorio. Restiamo sempre aperti e disponibili al dialogo coi sindaci, certi che solo collaborando si possa riportare il settore dei rifiuti alla normalità dopo decenni di gestione in emergenza”.

Leggi anche: Rischio nuova emergenza rifiuti in Sicilia, l’assessore Pierobon scrive agli uffici: “è solo un mese per evitarla”

Rifiuti, a Salemi bloccata la raccolta dell’;organico: sindaco presenta esposto ai carabinieri