È deceduto nell’ospedale di Castelvetrano un uomo di 79 anni di Salemi, che è risultato positivo al Covid19. Lo ha confermato l’Asp di Trapani. È il primo morto che si registra in provincia di Trapani, dove i casi positivi sono 27.

Ieri si era registrato un record di nuovi casi con 68 nuovi positivi al virus. A mezzogiorno di ieri risultavano  ricoverati 210 pazienti (27 a Palermo, 105 a Catania, 17 a Messina, 1 ad Agrigento, 11 a Caltanissetta, 18 a Enna, 6 a Ragusa, 17 a Siracusa e 8 a Trapani) di cui 42 in terapia intensiva, mentre 169 sono in isolamento domiciliare, venticinque guariti (11 a Palermo, 5 a Catania, 4 a Messina, 2 ad Agrigento ed Enna, 1 a Ragusa) mentre i deceduti indicati in quattro salgono così a cinque.

Questa la divisione degli attuali positivi nelle varie province: Agrigento, 29; Caltanissetta, 17; Catania, 156; Enna, 22; Messina, 35; Palermo, 48; Ragusa, 6; Siracusa, 39; Trapani, 27.

Ad allarmare è la conferma del contagio nei confronti di un operatore del 118 della centrale operativa Palermo Trapani ma dalla Seus rassicurano. Non si tratta di un operatore delle ambulanze ma di un dipendente che lavorava in sede a Palermo. una vicenda che ha fatto,comunque, scattare tamponi preventivi per tutti.

Ad allungare la lista di medici e operatori sanitari positivi anche un infermiere dell’ospedale Villa Sofia di Palermo, due medici e due infermiere all’ospedale Umberto I di Siracusa, posti in quarantena. Il sindaco di Gela, Lucio Greco, ha poi comunicato il primo caso positivo nella cittadina. Si tratterebbe di un autotrasportatore romeno, residente a Gela da alcuni anni. L’uomo è stato posto in quarantena nella sua abitazione. Positivi anche due militari in servizio alla base italiana di Sigonella che si aggiungono ai due di alcuni giorni fa. Sette i contagi al Centro Neurolesi di Messina e quattro persone sono risultate positive al Covid 19 all’Oasi Maria SS di Troina.