Stasra alle21 alle Cave di Cusa, Tony Sperandeo in “Con quella faccia un po’ così” aprirà “SICILIA PARRA AgriCultura”, cartellone di spettacoli promossi dal “Parco Archeologico Selinunte, Cave di Cusa e Pantelleria” in collaborazione con il Comune di Campobello di Mazara.

Il progetto mira alla valorizzazione del sito archeologico delle Cave di Cusa, riaperto alla fruizione dopo che sono stati effettuati interventi di adeguamento e importanti opere di manutenzione e restauro conservativo.
Il cartellone prevede un ciclo di spettacoli teatrali e musicali che danno voce all’identità siciliana attraverso l’arte in un’area che diventa crocevia tra archeologia e architettura del paesaggio.

“Attraverso il progetto di AgriCultura “Sicilia Parra” e grazie all’impegno del direttore del Parco Bernardo Agrò– dice l’Assessore dei Beni Culturali e dell’Identtà Siciliana, Alberto Samonà – le Cave di Cusa, un sito bello e suggestivo ma a molti ancora sconosciuto, potranno a farsi conoscere al grande pubblico. I luoghi dell’archeologia, i teatri di pietra, le Cave storiche, diventano quest’anno la grande gabbia toracica dalla quale si eleva forte la voce di una Sicilia che non si rassegna e che ha deciso di reagire ripartendo dalla bellezza. I beni culturali in quest’anno particolare – sottolinea Alberto Samonà – simboleggiano a pieno titolo l’esigenza di voler ripartire dalla Sicilia con prudenza, senso di responsabilità e rispetto per la vocazione dei luoghi. La disponibilità di siti archeologici prestigiosi come scenari ideali di spettacolo, offerta dal Governo Musumeci, è, oltre che una scelta di valorizzazione e fruizione dei siti anche un’opportunità offerta agli artisti siciliani di tornare a calcare le scene per dar voce a quelle produzioni che spesso rimangono schiacciate dall’offerta nazionale e internazionale”.

A margine dell’iniziativa – che valorizza il genio artistico siciliano – un percorso del gusto arricchirà i momenti dedicati agli spettacoli, consentendo di apprezzare al massimo il connubio fra Arte, Cultura e Agricoltura attraverso la degustazione dei prodotti tipici della nostra terra e che, proprio nell’area monumentale di Selinunte, vengono coltivati fin dalle lontane origini dell’antica città.

Gli appuntamenti di “Sicilia Parra” si svolgeranno tutti nel contesto delle Cave di Cusa a partire dalle ore 21,00. Si potrà accedere all’area indossando la mascherina di protezione che, in ossequio alla recente ordinanza del Presidente della Regione, dovrà essere indossata anche all’aperto dove la distanza tra le persone dovesse essere inferiore a un metro. Per informazioni è possibile telefonare al 0924.46277 e al 338.7842978.

Gli spettacoli in cartellone:
13 agosto – Con quella faccia un po’ cosi con Tony Sperandeo
17 agosto – Giuseppe Anastasi in concerto
19 agosto – Mario Incudine omaggio a Domenico Modugno
20 agosto – Palermitani a modo nostro
21 agosto – La donna a tre punte di Andrea Camilleri regia di Giuseppe Di Pasquale
23 agosto – Refugges. Il respiro dei migranti – regia di Ugo Bentivegna
24 agosto – Francesca Incudine
28 agosto – Soru Triskelia canti e cunti dell’Isola a tri punti con A. Ferlito
4 settembre – Roberto Lipari
5 settembre – L’anima vole tutto con Enrico Stassi, Maria Teresa Coracci e Stefania Blandeburgo
12 settembre – Daria Biancardi