Nella mattinata di ieri i Carabinieri della Compagnia di Trapani hanno arrestato, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e detenzione e porto illegale di arma comune da sparo e relativo munizionamento, Michele Scardina, trapanese di 56 anni.

Durante un servizio mirato al controllo di attività commerciali del capoluogo i Carabinieri facevano ingresso in un noto bar notando subito l’atteggiamento alquanto sospetto di un avventore, successivamente identificato nello Scardina ma da subito riconosciuto dai militari, il quale alla vista dei Carabinieri nervosamente si dirigeva verso il bagno avendo le vie di uscita occupate.

Due dei cinque militari seguivano Scardina bloccandolo poco prima che questo facesse ingresso nel locale bagno del bar e sottoposto a perquisizione personale lo sorprendevano in possesso di un revolver Smith & Wesson, cal. 357 magnum, carico con cinque colpi, illegalmente detenuto che occultava addosso.

Avendo il dubbio che a casa nascondesse altre armi scattava così la perquisizione domiciliare dove non venivano rinvenute armi ma della sostanza stupefacente del tipo “marijuana” del peso complessivo di un chilo detenuta in un armadio della stanza da letto chiuso a chiave.

Il tutto veniva sottoposto a sequestro, assunto in carico e debitamente custodito in attesa di essere versato presso il competente ufficio corpi di reato, mentre l’arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato trasferito presso la casa circondariale “Pietro Cerulli” di Trapani, a disposizione dell’Autorità giudiziaria competente in attesa di udienza di convalida.