Spunta un nido di Caretta caretta a Porto Empedocle (AG). Lo rendono noto gli attivisti locali del WWF che avevano persino organizzato monitoraggi e ispezioni dell’arenile con tanto di yoga e meditazione trascendentale, dicono.

E quest’anno madre natura ha fatto dono alla comunità di Porto Empedocle di un nido di tartaruga marina sulla spiaggetta davanti la Capitaneria di Porto. Una segnalazione è arrivata alle prime luci dell’alba e così si è attivata la rete del Progetto Tartarughe e Life EuroTurtles del WWF Italia, con i suoi volontari che coprono l’intera fascia costiera siciliana.

Guardia Costiera e Ripartizione Faunistica sono state avvertite tempestivamente e tempestivamente è intervenuta la Guardia Costiera di Porto Empedocle, che proprio davanti casa si è trovata questa sorpresa, stamattina. La mamma tartaruga ha pensato bene di deporre davanti alla Capitaneria di Porto: quale luogo può essere più sicuro di questo. In sicurezza rispetto a morbose curiosità con cui spesso i volontari del WWF sono costretti a confrontarsi per far capire a tutti che la natura è fragile di fronte al gigante della massa.

Il nido è stato messo in sicurezza grazie al pronto intervento degli operatori della vicina riserva di Torre Salsa gestita dal WWF. “Adesso bisognerà attendere che le uova maturino e a fine settembre- dicono dal WWF – chissà, potremo assistere a questo ennesimo miracolo che madre terra ci offre. Regalo che dovrà servire a farci riflettere sui pericoli che corre il nostro pianeta, se distruggiamo la biodiversità e gli ecosistemi, rincorriamo l’usa e getta, sprechiamo le nostre risorse, produciamo emissioni dannose, aumentiamo l’effetto serra”. I volontari del WWF non finiranno mai di indicare percorsi virtuosi per uscire da questo grave stato di cose, dal degrado ambientale, per un futuro che sia rinnovato e consapevole.