L’Ersu Palermo da il via al servizio mensa anche ad Agrigento e Caltanissetta. Dopo l’avvio a Trapani del 15 gennaio scorso, adesso è la volta di Caltanissetta e Agrigento, sedi di importanti corsi di laurea. Lo start è in programma oggi, 20 maggio, in due strutture per ogni città. Le cinque strutture di Agrigento, Caltanissetta e Trapani si aggiungono così alle quattro  già operative a Palermo e cioè Santi Romano, San Saverio, Santissima Nunziata e Mensa Policlinico-Edificio 19 Ospedale Civico.

Il bacino degli studenti che possono fruire del servizio è composto da circa 40 mila studenti universitari che studiano in Sicilia occidentale e che fatto parte del sistema dell’Università degli Studi di Palermo, dei Consorzi Universitari di Trapani, di Agrigento, di Caltanissetta, dell’Università Pubblica non statale Lumsa di Palermo. Tra gli utenti Ersu ci sono anche gli studenti AFAM (Alta formazione artistica e musicale): delle Accademie di Belle Arti di Palermo, “Kandinskij” di Trapani, “Abadir” di San Martino delle Scale, “Michelangelo” di Agrigento; dei Conservatori di Musica “Bellini” di Palermo, “Scontrino” di Trapani, “Toscanini” di Ribera.

L’ampliamento del servizio, che porta a nove i luoghi di ristorazione universitaria destinati agli studenti del bacino Ersu Palermo, era stato annunciato, durante l’inaugurazione della mensa Santi Romano il 30 ottobre scorso, dal commissario straordinario Giuseppe Amodei e dall’assessore regionale all’Istruzione e Formazione Roberto Lagalla. Obiettivo di Regione Siciliana ed Ersu è quello di garantire una sempre maggiore vicinanza agli studenti con un servizio di qualità a cui corrisponda anche una presenza capillare sul territorio di competenza.

Il costo del pasto – che può essere fruito dallo studente universitario anche in modo frazionato, sia per motivi dietologici che per disincentivare gli sprechi alimentari – varia in base alla condizione economica dello studente.