Il prefetto di Messina, Maria Carmela Librizzi, ha nominato i commissari prefettizi che si occuperanno dell’amministrazione provvisoria del Comune di Tortorici, sciolto per mafia il 18 dicembre dal Consiglio dei ministri. I commissari avranno i poteri di consiglio comunale, sindaco e Giunta. Si tratta dei viceprefetti Giuseppe Sindona e Matilde Mulè e il funzionario economico finanziario Giulia Rosa. Con lo stesso decreto firmato ieri il prefetto, come prevede la procedura, ha disposto la sospensione degli organi elettivi del Comune di Tortorici.

Il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell’interno Luciana Lamorgese, tenuto conto che, all’esito di approfonditi accertamenti, sono emerse forme di ingerenza da parte della criminalità organizzata che compromettono il buon andamento dell’azione amministrativa, ha deliberato lo scioglimento del Consiglio comunale di Tortorici (ME), a norma dell’articolo 143 del Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali (decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267), affidandone la gestione a una Commissione straordinaria per un periodo di diciotto mesi. Lo rende noto il comunicato del consiglio dei ministri.

Nel medesimo provvedimento di scioglimento di Tortorici assunto nella riunione del 18 dicembre finita a tarda ora il Consiglio dei Ministri in considerazione della necessità di completare l’azione di ripristino dei principi di legalità all’interno dell’amministrazione comunale,ha deliberato la proroga, per sei mesi, dello scioglimento del Consiglio comunale di Torretta (PA), già sciolto per condizionamenti da parte della criminalità organizzata.

Lo scioglimento di Torretta risale all’estate dello scorso anno “Il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell’interno Matteo Salvini, – si leggeva nel comunicato del 6 agosto 2019 – tenuto conto che, all’esito di approfonditi accertamenti, sono emerse forme di ingerenza da parte della criminalità organizzata che compromettono il buon andamento dell’azione amministrativa, ha deliberato lo scioglimento del Consiglio comunale di Torretta (Pa), affidandone la gestione a una Commissione straordinaria per un periodo di diciotto mesi”.