La Guardia di finanza, nel corso di due diversi interventi, ha sequestrato a Messina e provincia, circa 18 mila giochi pirotecnici (oltre 180 chili), detenuti illegalmente.

Nel primo caso i finanzieri hanno scoperto su Facebook una persona che vendeva il materiale utilizzando uno pseudonimo. Risaliti all’identità dell’uomo e alla sua abitazione, durante una perquisizione domiciliare sono stati sequestrati 3.442 giochi pirotecnici, oltre cento chili. Trovate anche 128 “bombe carta” per circa 6 chili. L’uomo è stato denunciato.

Altro intervento è stato eseguito dalle Fiamme gialle a Capo d’Orlando (Me), dove un cinese cinese è stato denunciato. La Guardia di Finanza ha sequestrato 14.500 artifizi pirotecnici, conformi alla vigente normativa in materia, ma conservati in maniera irregolare, con conseguente rischio per l’incolumità pubblica.